SILOS Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

Ferrovie

FERROVIE / Direttrice Brennero-Verona-Bologna / Tratta di valico e tratta di adduzione - Valico e accesso al Brennero / Accesso al Brennero - Potenziamento linea Fortezza-Verona

SCHEDA N. 4

| | |
Costo
  • Dati monitoraggio
  • Dati delibere CIPESS o Allegati infrastrutture ai DEF
Quadro finanziario

Quadro finanziario al 31/05/2022

Localizzazione
Cup
    SISTEMA INFRASTRUTTURALE

    Ferrovie

    Soggetto titolare

    RFI SpA

    Descrizione

    L’intervento ricade nel Corridoio europeo TEN-T “Scandinavia-Mediterraneo”, di collegamento tra Helsinki e La Valletta, passando per il Centro Europa, la dorsale tirrenica e le principali città siciliane, con una lunghezza di 9.400 km. La parte centrale alpina di questo allineamento è costituita dalla Linea di Accesso Nord Monaco – Innsbruck, dalla Galleria di Base del Brennero e dalla Linea di Accesso Sud Fortezza – Verona. La linea di Accesso Nord e la Galleria di Base del Brennero presentano tratti transfrontalieri, mentre la linea di Accesso Sud è ubicata interamente in territorio italiano, lungo le valli dell’Isarco e dell’Adige. La linea di Accesso Sud, si svilupperà per una lunghezza di circa 180 km tra le stazioni di Fortezza (BZ) e di Verona (VR) e prevede il quadruplicamento dell’attuale linea ferroviaria per la maggior parte in variante rispetto all’esistente tracciato. La realizzazione dei progetti è stata articolata in 4 lotti prioritari che saranno realizzati da RFI, così suddivisi da nord a sud. - Tratta Fortezza - Ponte Gardena (lotto 1) - Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo tracciato ferroviario, circa 22,5 km, di cui 15,4 e 6,3 km rispettivamente per le due gallerie a doppia canna e singolo binario Scaleres e Gardena, che collegano la Stazione di Fortezza alla stazione di Ponte Gardena. Le due nuove gallerie saranno collegate da un tratto di linea in viadotto sul fiume Isarco. La massima pendenza sarà ridotta dall’attuale 23‰ al 12,5‰. - Circonvallazione ferroviaria di Bolzano (lotto 2) - La circonvallazione ferroviaria permetterà di separare i flussi di traffico merci da quello viaggiatori (regionali e media-lunga percorrenza). Lo shunt ferroviario eviterà anche il transito dei treni merci nell’abitato di Bolzano. - Circonvallazione ferroviaria di Trento e Rovereto (lotto 3) - La circonvallazione ferroviaria permetterà di separare i flussi di traffico merci da quello viaggiatori (regionali e media-lunga percorrenza). Lo shunt ferroviario permetterà di by-passare le aree urbane di Trento e Rovereto. Per la Circonvallazione di Trento (Lotto 3a) la nuova linea avrà origine a Roncafort, nei pressi dell’interporto di Trento, per connettersi alla linea esistente in località Acquaviva dopo circa 14 km, di cui circa 12 km per la galleria a doppia canna singolo binario Trento. Per la Circonvallazione di Rovereto (Lotto 3b) la nuova linea sarà prevalentemente in sotterraneo con la realizzazione della galleria a doppia canna e singolo binario Zugna e avrà origine in località Acquaviva per connettersi alla linea esistente in località Marco, a Sud di Rovereto. - Ingresso da Nord nel Nodo ferroviario di Verona (lotto 4). Il nuovo tracciato ferroviario, circa 9,5 km, si svilupperà parte in affiancamento alla linea esistente e parte in variante di tracciato. La progettazione dell’intervento è in corso di revisione ed integrazione nella parte terminale, in corrispondenza del Bivio San Massimo, per migliorare la funzionalità complessiva dell’accesso al nodo.

    Delibere CIPESS e/o ordinanze attuative

    89/2007 (ricusata dalla CC)
    32/2008 (ricusata dalla CC)
    82/2010
    103/2012 (ricusata dalla CC)
    6/2013
    8/2017
    Delibera RFI 72/2020
    1/2022
    2/2022

    Dati storici

    1995

    Nel 1993 si conclude lo studio di fattibilità commissionato dai Ministri dei Trasporti di Italia, Austria e Germania in considerazione della situazione del traffico attraverso le Alpi riguardante l’intero asse Monaco-Verona.
    Con il memorandum di Montreux del 1994, i Ministri dei Trasporti citati si impegnano alla realizzazione del potenziamento ferroviario dell’asse Monaco-Verona e con il memorandum di Bruxelles aderisce all’accordo di Montreaux il membro della Commissione europea per i trasporti.
    A seguito dei vertici del Consiglio europeo del giugno e del dicembre 1994, il collegamento Monaco-Verona viene incluso nella rete di trasporto transeuropea (TEN-T) e compreso tra i 14 progetti prioritari dell’allegato III alla voce “Treno ad alta velocità/trasporto combinato Nord-Sud” al fine di contribuire a ridurre le ripercussioni negative del traffico sull’ambiente ed in particolare nell’area alpina.


    1996

    Viene emanata la decisione n.1692/96/CE concernente gli orientamenti per lo sviluppo di una rete TEN-T.


    1999

    I Ministri dei Trasporti di Italia e Austria confermano la volontà di iniziare le progettazioni per il collegamento “nord-sud per il traffico ferroviario ad AC e per il traffico combinato Berlino-Norimberga-Monaco-Verona” costituendo, tra le imprese ferroviarie incaricate delle progettazioni, il GEIE BBT.


    2001

    L’opera è inclusa nella delibera CIPE n. 121 nell’ambito del “Corridoio plurimodale dorsale centrale”.
    Il libro bianco della Commissione della UE del 12 settembre conferma la priorità del progetto.


    2004

    L’opera è compresa nell’Intesa Generale Quadro tra Governo e Provincia di Bolzano sottoscritta il 13 febbraio.
    Il collegamento Monaco-Verona, con la decisione n. 884/2004/CE, viene esteso da Berlino a Palermo e confermato tra i progetti prioritari per i quali l’inizio dei lavori è previsto entro il 2010.


    2006

    L‘opera è inclusa nella delibera CIPE n. 130 di rivisitazione del PIS.


    2007

    Il 26 febbraio viene sottoscritto un accordo fra la Provincia di Trento ed RFI che comprende: la predisposizione della progettazione preliminare del ”nuovo lotto 3-circonvallazione di Trento e Rovereto” e lo studio di fattibilità delle tratte di completamento ricadenti nel territorio della provincia di Trento. La Provincia, allo scopo di inserire il Lotto 3 tra i lotti prioritari, è disponibile a partecipare al finanziamento della progettazione preliminare del nuovo Lotto 3 – circonvallazioni di Trento e Rovereto - e dello studio di fattibilità delle tratte di completamento in territorio trentino. La prima fase, da realizzare entro il 2016, prevede la costruzione della circonvallazione di Trento e Rovereto e la realizzazione di barriere antirumore. La seconda fase, da realizzarsi entro il 2030, prevede il completamento della nuova linea in modo che i treni merci che non devono caricare merce in Trentino utilizzino la nuova linea prevalentemente in galleria, mentre la linea attuale verrà usata per il trasporto merci e passeggeri.
    Il CIPE, con delibera n. 89, approva il progetto preliminare dei Lotti 1 e 2 per un costo complessivo di 2.314, 4 Meuro ed assegna 53 Meuro per la progettazione definitiva degli stessi.
    Con decisione della UE del 19 novembre, sono previsti, per il Quadruplicamento Fortezza-Verona, finanziamenti per 58,8 Meuro.
    L’11 dicembre viene sottoscritto un accordo tra MI, Provincia Autonoma di Bolzano e RFI, in cui si individua e dichiara prioritario un ulteriore lotto funzionale di completamento: Lotto 5-Bronzolo (a sud di Bolzano)-Trento Nord. Viene anche attivato lo studio di fattibilità tra RFI e la Provincia di Bolzano per la tratta tra Bronzolo e Salorno. L’Accordo prevede altresì di destinare 3 Meuro alla progettazione preliminare da parte di RFI dell’intero 5 lotto funzionale.


    2008

    La Corte dei Conti, nell’adunanza del 13 febbraio, ricusa il visto alla delibera CIPE del n. 89/2007, con la motivazione che nel progetto preliminare approvato non vengono indicate le fonti di copertura dell’intera opera .
    Il 2 marzo viene depositato presso l'ufficio VIA della Provincia di Trento il progetto preliminare "Potenziamento asse ferroviario Monaco-Verona, Linea di accesso Sud Fortezza Verona, lotto 3, Circonvallazione di Trento e Rovereto".
    Il CIPE, con delibera del n. 32, ripropone l’approvazione del progetto preliminare “Quadruplicamento della linea Verona-Fortezza di accesso sud alla galleria di base del Brennero sull’asse ferroviario Monaco-Verona” dal complessivo costo di 2.563,4 Meuro e concede un contributo quindicennale per la progettazione definitiva dei lotti 1 e 2, da assegnare al soggetto aggiudicatore.
    La Corte dei Conti, nell’adunanza del 13 novembre, ricusa il visto di legittimità alla delibera CIPE n. 32/2008 per mancanza di indicazioni sulla copertura finanziaria dell’intero intervento. Nelle controdeduzioni apportate dall’’Amministrazione, viene riportato che: a) l’opera beneficia di un contributo comunitario che andrebbe perduto qualora la Corte non ammettesse al visto la delibera in esame; b) in una prossima riunione del CIPE si provvederà a destinare risorse finanziarie (pari a circa 12 miliardi di euro) disponibili sul FAS anche per il finanziamento dell’opera. La Corte dei Conti ribadisce che “neppure il “contributo” che l’UE avrebbe stanziato, pari a 59 Meuro, risulta essere stato comprovato da adeguata documentazione.
    Il 5 dicembre la Commissione UE rende operative 11 decisioni di finanziamenti per oltre 1,7 miliardi di euro per il programma Ten-T . All’intervento Fortezza-Verona risultano assegnati 58,8 Meuro.


    2009

    Il nuovo progetto preliminare della circonvallazione di Trento, che recepisce le osservazioni della Provincia di Trento, viene inviato al MIT per l’inoltro al CIPE.
    Con DPCM del 5 agosto il Dott. Mauro Fabris è nominato Commissario straordinario per le opere di accesso al tunnel del Brennero.
    Il 18 novembre, nell’audizione presso la Commissione VIII Ambiente della Camera dei Deputati, il Commissario Straordinario sottolinea che, in assenza della pubblicazione della delibera CIPE, la progettazione preliminare si è bloccata per mancanza di fondi e che si corre il rischio di un definanziamento da parte della UE, non solo delle tratte di accesso, ma anche della galleria di base.
    La legge n. 191/2009 (art. 2, commi 222-224) prevede la possibilità di avviare la realizzazione per lotti costruttivi non funzionali di grandi progetti strategici, anche in assenza della copertura totale del costo dell’opera, alle seguenti condizioni: il progetto deve essere inserito nella rete Ten-T e nel PIS; il costo superiore ai 2 miliardi di euro ed il tempo di realizzazione superiore ai 4 anni; i lotti funzionali di importo non inferiore ad 1 miliardo di euro. Il provvedimento si applica alla Galleria del Brennero.


    2010

    RFI, in una nota informativa del 20 aprile, riferisce che:”In assenza di pubblicazione della delibera CIPE di approvazione della progettazione preliminare RFI non è autorizzata ad avviare la progettazione definitiva dei Lotti 1 e 2 disponendo di adeguate coperture finanziarie. Ulteriori ritardi nell’avvio delle attività progettuali rendono difficoltoso il rispetto del piano di spesa 2008-2013 dichiarato alla UE e, per i meccanismi di rendicontazione propri del finanziamento europeo, si prospettano rischi nell’acquisizione del contributo concesso. L’apertura della Galleria di Base del Brennero tra Fortezza e Innsbruck è prevista nel 2022; l’utilizzazione completa di tale opera è strettamente correlata al potenziamento della Linea di accesso sud. Tale condizione rappresenta per la UE un vincolo pregiudiziale per l’approvazione e il finanziamento della stessa galleria di base del Brennero”. Rispetto al costo dei due lotti prioritari viene riportato quello del progetto preliminare del 2003 pari a 2.251 Meuro di cui 1.456 per il lotto 1 e 795 per il lotto 2.
    Il MIT, in data 16 marzo, trasmette al CIPE la relazione istruttoria del “quadruplicamento della linea ferroviaria Verona - Fortezza di accesso sud alla galleria di base del Brennero", chiedendo l'assegnazione di risorse finanziarie pari a 53 Meuro a valere sul contributo di cui all'art. 1, comma 977, della legge n. 296/2006 per la progettazione definitiva dei lotti 1 e 2. Il costo complessivo delle tratte (lotti 1 e 2) risulta pari a 2.407 Meuro, con un incremento di 156 Meuro rispetto al costo indicato nell'istruttoria 2008, cui devono aggiungersi i costi relativi alle prescrizioni, che portano il costo complessivo a 2.470,4 Meuro. Il nuovo costo risulta dall’attualizzazione dei prezzi al 2010 e dal cambio della modalità di affidamento da contraente generale ad appalto integrato.
    Il CIPE, con delibera n. 27 del 13 maggio, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2009 del CdP RFI 2007-2011.
    L’art. 46 (concessioni autostradali) del D.L. 31 maggio 2010, n. 78 prevede che ANAS Spa entro il 30 settembre 2010 pubblichi il bando di gara per l'affidamento della concessione di costruzione e gestione dell'autostrada del Brennero e che la stessa società sia concessionaria anche per la realizzazione dei collegamenti ferroviari e delle infrastrutture connesse fino al nodo stazione di Verona.
    La Corte dei Conti, con Deliberazione n. 18/2010/G del 2 luglio, approva la relazione conclusiva sull’intervento “Quadruplicamento della linea ferroviaria Verona-Fortezza lotti 1 e 2 e 4” .La Corte sottolinea alcune criticità relative al quadro finanziario e in particolare “la sostanziale inattuazione delle norme sul cosiddetto finanziamento incrociato” ferrovia-autostrada e l’incoerenza delle “disponibilità indicate nella relazione istruttoria del MIT (104 Meuro a carico del Contratto di programma RFI) con quanto riportato nella versione 2008 del Contratto di programma 2007-2011, dove il progetto è riportato parte nella tabella A4 (opere in corso) e parte nella tabella B4 (opere prioritarie da avviare) con un costo complessivo di 2.500 Meuro di cui 55 disponibili”. La Corte individua le azioni assolutamente prioritarie per salvaguardare il contributo comunitario e la tempistica dell’opera: avvio della progettazione definitiva dei lotti Fortezza – Verona; finanziamento di un lotto di lavori almeno pari al 10 o al 20%.
    Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 gli interventi "“Quadruplicamento Fortezza - Verona: Fortezza - Ponte Gardena lotto 1” e “Quadruplicamento Fortezza - Verona: circonvallazione di Bolzano lotto 2”, sono riportati nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche – Aggiornamento 2010”; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013 ”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2010”.
    Ad ottobre la UE rivede il finanziamento di 92 grandi progetti infrastrutturali per le reti Transeuropee. L’accesso sud al Brennero è nella lista dei 10 progetti che hanno ricevuto un'ulteriore proroga condizionata fino al 2015, ma hanno subito una riduzione del finanziamento UE (da 58,8 Meuro a 45,9, con una perdita di 12,9 Meuro).
    Nella seduta del 4 novembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'accordo sull'Allegato Infrastrutture.
    Il CIPE, con delibera 82/2010, approva il progetto preliminare del 1° lotto Fortezza – Ponte Gardena del quadruplicamento della tratta ferroviaria Verona - Fortezza della linea di accesso alla Galleria del Brennero.
    Il costo del 1° lotto, a seguito dell’accoglimento delle prescrizioni, è di 1.618,4 Meuro al netto di IVA. Il MIT individua un sub lotto funzionale «Fluidificazione del traffico ed interconnessione con la linea esistente”, che consiste nell’anticipazione di alcuni interventi previsti nel lotto 1, da realizzare negli impianti di Fortezza e Ponte Gardena. Il costo del sublotto è di 50 Meuro al netto di IVA e il cronoprogramma prevede che la progettazione definitiva venga conclusa entro giugno 2012 e l’esecuzione lavori entro gennaio 2020. I costi del sublotto e della progettazione definitiva dell’intero 1°lotto (34 Meuro) risultano interamente coperti. Il CIPE, secondo quanto richiesto dalla Corte dei Conti, indica le fonti per la copertura finanziaria dell’intero lotto e invita, tra l’altro, il MIT a fornire aggiornamenti in ordine a disponibilità e sblocco dei fondi attribuibili al c.d. “finanziamento incrociato”.
    Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2009, sottoscritto il 23 dicembre, sono compresi gli interventi: "Potenziamento linee di accesso al Brennero (Progettazioni dei lotti 1,2,3,4; Progettazione preliminare del lotto 5; Quota finanziata dal programma TEN-T 2007-13 a copertura della fase realizzativa, la cui operatività è subordinata al reperimento della corrispondente quota nazionale)" tra le opere in corso, tabella A04-Sviluppo infrastrutturale rete alta capacità, con un “Costo a Vita Intera” di 104 Meuro di cui 87 contabilizzati al 2008 e 17 di risorse aggiuntive 2009; "Potenziamento linee di accesso al Brennero (Completamento progettazione lotto 5 e fasi realizzative)" tra le opere programmatiche, A04-Sviluppo infrastrutturale rete alta capacità, con un “Costo a Vita Intera” di 3.851 Meuro da reperire.


    2011

    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 gli interventi "“Quadruplicamento Fortezza - Verona: Fortezza - Ponte Gardena lotto 1” e “Quadruplicamento Fortezza - Verona: circonvallazione di Bolzano lotto 2”, sono riportati nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche - Aggiornamento aprile 2011” ; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013 ” ;“5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2011 (marzo)”.
    Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2011, i due lotti deliberati dal CIPE risultano entrambi in fase di progettazione.
    La Commissione europea, con Decisione 1° agosto 2011 C(2011)5663, modifica le precedenti decisioni del 5 dicembre 2008 C(2008)7726 e del 3 febbraio 2010 C(2010)743, relative alla concessione di un contributo finanziario della Comunità al progetto di interesse comune "Linea di accesso meridionale al Brennero" nel settore delle reti di trasporto transeuropee (TEN-T)”.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011) gli interventi “Quadruplicamento Fortezza - Verona: Fortezza - Ponte Gardena lotto 1” e “Quadruplicamento Fortezza - Verona: circonvallazione di Bolzano lotto 2”, sono inseriti nelle stesse tabelle di aprile.


    2012

    L'opera è riportata nell'Allegato Infrastrutture-Rapporto intermedio di aprile 2012: allegato 5, quadro riepilogativo degli interventi del PIS.
    Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2010/2011, sottoscritto tra il MIT e RFI SpA il 21 maggio 2012, sono riportati gli interventi: tra le opere in corso il "Potenziamento linee di accesso al Brennero (Fase prioritaria; quota finanziata dal programma TEN-T 2007-13 a copertura della fase realizzativa, la cui operatività è subordinata al reperimento della corrispondente quota nazionale)"  (tabella A03/A04 - Sviluppo infrastrutturale), con un costo aggiornato di 102 Meuro, di cui 10 contabilizzati al 2010 e un definanziamento di 11 Meuro; tra le opere programmatiche il "Potenziamento linee di accesso al Brennero (completamento) (tabella 03/04 - Sviluppo infrastrutturale), con un “Costo a Vita Intera” di 4.234 Meuro da reperire.
    L'opera è riportata nel 10° Allegato Infrastrutture al DEF 2012 (aggiornamento di settembre 2012): Tabella 0, Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 2, Opere in fase di progettazione del PIS; documento due "due diligence".
    Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 30 settembre 2012, non risultano variazioni rispetto al precedente monitoraggio.
    Il CIPE, nella seduta del 26 ottobre 2012, approva il progetto definitivo del sub lotto funzionale del Lotto 1 “Fortezza-Ponte Gardena” (Fluidificazione del traffico e interconnessione con la linea esistente) nell’ambito del quadruplicamento della linea ferroviaria Fortezza-Verona.
    Il CIPE, nella seduta del 26 ottobre, con delibera n. 103, approva il progetto definitivo del Sublotto funzionale “Fluidificazione del traffico ed interconnessione con la linea esistente” del Lotto 1 “Fortezza - Ponte Gardena” del Quadruplicamento della linea ferroviaria Fortezza – Verona, prendendo atto che l’articolazione della relativa copertura finanziaria comprendeva 36,51 Meuro a valere sulle risorse recate dalla legge n. 449/1997, art. 55, comma 13, come modificato dall’art. 47 del D.L. 78/2010 - Accantonamenti Autostrada A22 del Brennero. Tale delibera è stata oggetto di rilievo da parte della Corte dei Conti e il DIPE, in data 29 gennaio 2013, ne ha richiesto il ritiro.
    Nella seduta del 6 dicembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2012 – 10° Allegato infrastrutture.
    Il CIPE, con delibera n. 136 del 21 dicembre, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture al DEF 2012.
    La legge 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità 2013), all’art. 1, comma 176, ha autorizzato, per il finanziamento degli investimenti relativi alla rete infrastrutturale ferroviaria nazionale, la spesa di 600 Meuro per l’anno 2013 e di 50 Meuro per ciascuno degli anni 2014 e 2015, da destinare prioritariamente alle esigenze connesse alla prosecuzione dei lavori relativi a opere in corso di realizzazione ai sensi del sopra citato art. 2, commi da 232 a 234, della legge n. 191/2009.


    2013

    L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013: Tabella 2 - Le opere in progettazione del deliberato CIPE, lotto 1 e sub lotto 1 (fluidificazione).
    Il CIPE, con delibera n. 6 sostitutiva della delibera n. 103/2012, prende atto che la Linea di accesso sud Fortezza – Verona è costituita da 4 lotti funzionali (Lotto 1 Fortezza – Ponte Gardena; Lotto 2 Circonvallazione di Bolzano; Lotto 3 Circonvallazione di Trento; Lotto 4 Ingresso a Verona da Nord) e approva il progetto definitivo del Sublotto funzionale “Fluidificazione del traffico ed interconnessione con la linea esistente” del Lotto 1 “Fortezza - Ponte Gardena”, considerato prioritario, dell’importo di 43,6 Meuro, al netto di IVA. La copertura finanziaria dell’intervento risulta assicurata per: 4,91 Meuro da risorse del Contratto di Programma RFI 2007-2011, aggiornamento 2010-2011; 2,18 Meuro da risorse TEN - Trans European Network - Programmazione 2007-2013, C(2011)5663; 36,51 Meuro da risorse di cui all’articolo 1, comma 176, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013).
    L’articolo 7-ter, comma 2, del D.L. 43/2013, per il finanziamento degli investimenti relativi alla rete infrastrutturale ferroviaria nazionale, autorizza la spesa di 120 Meuro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2024, da attribuire con delibera del CIPE con priorità per la prosecuzione dei lavori relativi al Terzo Valico dei Giovi e per il quadruplicamento della linea Fortezza-Verona di accesso sud alla galleria di base del Brennero.
    Il CIPE, con delibera n. 40/2013, assegna risorse per il finanziamento degli investimenti relativi alla rete infrastrutturale ferroviaria nazionale, autorizzate ai sensi dell’articolo 7-ter, comma 2, del decreto legge n. 43/2013. In particolare 70 Meuro sono attribuiti programmaticamente a RFI Spa per la realizzazione dell'intervento Linea ferroviaria Fortezza – Verona, Circonvallazione di Trento. L'attribuzione definitiva di tali risorse resta subordinata alla sottoposizione al CIPE, entro il 31 dicembre 2014, del progetto preliminare o definitivo dell'intervento. Qualora la proposta non sia presentata nei termini, le relative risorse saranno destinate ad altre opere da realizzare per lotti costruttivi, coerentemente con le finalità di cui all'art. 2, commi 232 e ss. della legge n. 191/2009.
    L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013), Tabelle: 0 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) Avanzamento complessivo, con riguardo al lotto 1, al sub lotto 1 (fluidificazione) e al lotto 2; 1A - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) - Perimetro interventi deliberati dal CIPE (2002-2013 settembre) Opere in fase di realizzazione, relativamente al sub lotto 1 (fluidificazione); 2 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) – Progettazioni non incluse nel perimetro deliberati dal CIPE (2002-2013 settembre) Iter istruttorio in corso ai sensi della Legge 443/2001 e s.m.i., relativamente al lotto 2.
    Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2013, risulta in corso di approvazione, da parte di RFI, il progetto definitivo del lotto 1 Fortezza-Ponte Gardena mentre per il lotto di fluidificazione si prevede l’avvio dei lavori a marzo 2014.
    L’articolo 15, comma 3, lettera d) del D.L. 102/2013 provvede alla copertura finanziaria del provvedimento quanto a 100 Meuro per l'anno 2015 mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa prevista dall'articolo 7-ter, comma 2, del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, relativa al finanziamento della rete infrastrutturale ferroviaria nazionale con priorità per il quadruplicamento della linea Fortezza-Verona.
    L’opera è inclusa nella rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) e fa parte del corridoio europeo Scandinavia-Mediterraneo di cui al regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio n. 1315/2013 dell’11 dicembre 2013 sugli orientamenti dell'Unione per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti e che abroga la decisione n. 661/2010/UE.


    2014

    L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014, Tabelle: III.1-2 Corridoio Helsinky La Valletta; A.1-1 Tabella 0 - Avanzamento Programma Infrastrutture Strategiche, articolata in tre interventi (lotto 1, sub lotto 1 e lotto 2).
    Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.
    Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla Nota di aggiornamento del DEF 2013.
    Nel CdP RFI 2012-2016, sottoscritto tra il MIT e RFI Spa l’8 agosto 2014, l’opera “Potenziamento linee di accesso al Brennero” è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, articolata in 3 interventi: lotti 1 (quadruplicamento Fortezza-Ponte Gardena), 2 (circonvallazione di Bolzano) e 4 (ingresso nodo di Verona), con un costo di 3.468 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 111 Meuro (80 Meuro risorse MEF e 31 Meuro risorse UE) e un fabbisogno di 3.357 Meuro; lotto 3, circonvallazione di Trento, con un costo di 1.555 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 16 Meuro da risorse MEF e un fabbisogno di 1.539 Meuro; lotto 5, quadruplicamento Trento-Bolzano (progettazione preliminare), con un costo di 3 Meuro interamente da finanziare.
    L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014): Tabella 0 – Stato dell’arte e degli avanzamenti del Programma Infrastrutture Strategiche, articolata in tre interventi (lotto 1, sub lotto 1 e lotto 2); Tabella 0.1 Il consolidato: le opere in realizzazione (sub lotto 1); Tabella 0.1 Il programmatico: le opere in progettazione (lotto 1 e lotto 2).


    2015

    Con decreto interministeriale n. 158 del 18 maggio 2015 è approvato il CdP RFI 2012-2016 parte investimenti, sottoscritto in data 8 agosto 2014 tra RFI SpA e il MIT.
    In data 23 ottobre 2015 Italferr SpA pubblica l’avviso di avvio del procedimento finalizzato alla dichiarazione di pubblica utilità conseguente all’approvazione del progetto definitivo del lotto 1: Fortezza – Ponte Gardena, nell’ambito del quadruplicamento della linea ferroviaria Fortezza – Verona, Accesso Sud alla Galleria di Base del Brennero, facente parte dell’Asse Ferroviario Monaco – Verona.
    Il CIPE, con delibera n. 112 del 23 dicembre 2015, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2015 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
    Con DPCM del 24 dicembre 2015 l’ingegner Ezio Facchin è nominato nuovo Commissario Straordinario al fine di agevolare e dare impulso all’adozione degli atti connessi alla realizzazione delle “opere di accesso al tunnel del Brennero”.


    2016

    Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2015, sottoscritto il 29 aprile 2016, l’opera “Potenziamento linee di accesso al Brennero” è riportata nella Tabella A - Portafoglio investimenti in corso e programmatici - A04 -Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, articolata in 3 interventi:
    - lotti 1 (quadruplicamento Fortezza-Ponte Gardena), 2 (circonvallazione di Bolzano) e 4 (ingresso nodo di Verona), con un costo di 3.468 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 95 Meuro (78 Meuro da risorse MEF e 17 Meuro da risorse UE) - con una riduzione di risorse pari a 16 Meuro rispetto al precedente atto contrattuale - e un fabbisogno di 3.373 Meuro;
    - lotto 3, circonvallazione di Trento, con un costo di 1.555 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 4 Meuro da risorse MEF - con una riduzione di risorse pari a 12 Meuro rispetto al precedente atto contrattuale - e un fabbisogno di 1.551 Meuro;
    - lotto 5, quadruplicamento Trento-Bolzano (progettazione preliminare), con un costo di 3 Meuro interamente da finanziare.
    Il CIPE, nella seduta del 10 agosto 2016, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2016 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
    Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2016, sottoscritto il 17 giugno 2016 e approvato con legge 1 dicembre 2016, n. 225, l’opera “Potenziamento linee di accesso al Brennero” è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, articolata in 5 interventi:
    - lotto 1 (quadruplicamento Fortezza-Ponte Gardena), con un costo di 1.618 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 1.522 Meuro (1.505 Meuro da risorse MEF e 17 Meuro da risorse UE) - con una variazione in aumento di risorse pari a 1.450 Meuro rispetto al precedente atto contrattuale - e un fabbisogno di 97 Meuro;
    - lotto 2 (circonvallazione di Bolzano), con un costo di 852 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 8 Meuro da risorse MEF e un fabbisogno di 843 Meuro;
    - lotto 3, circonvallazione di Trento e Rovereto, con un costo di 1.555 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 7 Meuro - con una variazione in aumento di risorse pari a 3 Meuro rispetto al precedente atto contrattuale - e un fabbisogno di 1.548 Meuro;
    - lotto 4 (ingresso nel nodo di Verona - tratta Pescantina-Verona), con un costo di 998 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 15 Meuro da risorse MEF e un fabbisogno di 983 Meuro;
    - lotti 5 (quadruplicamento Bronzolo-Ora), 6 (quadruplicamento Rovereto-Pescantina) e 7 (quadruplicamento Ponte Gardena-Prato-Isarco), con un costo di 3 Meuro interamente da finanziare.


    2017

    Il CIPE, con delibera n. 8 del 3 marzo 2017, approva il progetto definitivo del “lotto 1 Fortezza - Ponte Gardena» del «quadruplicamento della linea Fortezza - Verona» nell’ambito dell’«Asse ferroviario Monaco - Verona: accesso sud alla Galleria di base del Brennero». L’importo di 1.478 milioni di euro circa, al netto di IVA, costituisce il limite di spesa dell’intervento.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2017, Appendice 2 – Interventi, Tabella “Interventi prioritari – ferrovie”, nell’ambito della “Direttrice Verona–Brennero”, identificata con il codice 5, sono inseriti gli interventi: Tratta di valico: Galleria e Lotto 1 (Fortezza-P.te Gardena)”, classificato “invariante”; Tratta di adduzione, classificato “project review” con obiettivo “verificare i costi, nonché la funzionalità del nodo di Verona in connessione alla Trasversale, bypass di Trento e Bolzano”.
    La Corte dei Conti, con Deliberazione n. 9/2017/G dell’11 luglio 2017, approva la relazione concernente “Il Quadruplicamento della linea ferroviaria Verona-Fortezza”. Nella sintesi del documento, finalizzato a verificare le misure adottate dal MIT per rimuovere le disfunzioni accertate nella deliberazione n. 18/2010/G del 22 luglio 2010, si riporta, tra l’altro, che “le criticità già segnalate nella deliberazione del 2010, dovute principalmente alla dilatazione della tempistica delle fasi realizzative, nonché alle difficoltà di utilizzo a pieno delle risorse finanziarie potenzialmente disponibili che hanno già prodotto alcuni definanziamenti, persistono nonostante siano trascorsi quasi sette anni. In particolare, è stata rilevata una dilatazione dei tempi nella fase di approvazione delle varie progettazioni trasmesse da RFI al MIT. Dette criticità compromettono la stessa fattibilità dell’opera correlata ad un più ampio scenario infrastrutturale di interesse transnazionale, con il rischio di determinare ulteriori definanziamenti sia a livello nazionale, sia a livello europeo. Gli interventi sono stati articolati in quattro lotti prioritari, con l’individuazione di una maggiore priorità per i lotti 1 e 4 (comprensivi di un sub-lotto relativo al lotto 1) e in tre lotti di completamento, per la cui realizzazione è stata prevista sin dall’agosto 2009 la figura del commissario straordinario. Ad eccezione delle opere del sub-lotto 1, peraltro sospese, nessuno degli interventi è in fase di realizzazione. La figura del commissario straordinario (sono stati nominati due commissari: il primo dall’agosto 2009 al 2014; il secondo dal dicembre 2015, successivamente rinnovato per un periodo di un anno a decorrere dal 7 febbraio 2017) non ha prodotto, nello svolgimento del primo incarico, l’auspicata accelerazione delle fasi procedurali preliminari, che avrebbe potuto consentire un tempestivo avvio dei lavori a partire dagli interventi del lotto 1.”
    In data 1 agosto 2017 è sottoscritto lo schema di contratto di programma RFI, parte investimenti 2017-2021, sul quale il CIPE ha espresso parere favorevole, con raccomandazioni, con delibera n. 66 del 7 agosto 2017, registrata con osservazioni dalla Corte dei Conti e pubblicata in GU n. 83 del 10 aprile 2018. Riguardo ai contenuti, il nuovo piano degli investimenti in corso e programmatici è articolato in 4 sezioni di cui la prima è composta dalle opere da realizzare dotate di integrale copertura finanziaria (opere in corso finanziate) mentre le altre tre (fabbisogni finanziari 2018-2021, 2022-2026 e oltre Piano) hanno carattere programmatico. Inoltre sulla base delle indicazioni fornite dall’allegato al DEF 2017 “Connettere l’Italia: fabbisogni e progetti di infrastrutture” è riportata, tra l’altro, la classe DPP suscettibile di variazioni sulla base delle indicazioni del documento pluriennale di pianificazione. Nella tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A08-Interventi prioritari ferrovie - direttrici di interesse nazionale sono riportati gli interventi: Accesso al Brennero sublotto 1 - Fluidificazione del traffico ed interconnessione con la linea esistente della tratta Fortezza - Ponte Gardena, classe DPP “Intervento invariante”, con un costo di 44 milioni di euro interamente disponibili; Accesso al Brennero lotto 1 - Fortezza-Ponte Gardena), classe DPP “Intervento invariante”, con un costo di 1.478 milioni di euro interamente disponibili; Accesso al Brennero lotto 2- Circonvallazione di Bolzano, classe DPP “intervento in project review”, con un costo di 852 milioni di euro, una copertura finanziaria complessiva di 8 milioni di euro e un fabbisogno di 843 milioni nel periodo 2022-2026.
    L’Autorità di regolazione dei trasporti, nella seduta del 30 novembre 2017, esprime parere sul CdP RFI 2017-2021 parte investimenti.


    2018

    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2018, capitolo IV. Lo stato di attuazione degli interventi programmati, paragrafo IV. 2 Ferrovie”, tabella “Interventi prioritari invarianti – modalità: ferrovie, è inserito l’intervento “5 Direttrice Verona –Brennero - Tratta di valico: Galleria (quota Italia) e Lotto 1 (Fortezza - P.te Gardena), con un costo dell’intervento di 5.922,00 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 5.054,00 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 868,00 milioni di euro. E’ altresì inserito, nella tabella “Interventi prioritari in project review – modalità: ferrovie” l’intervento “5 Direttrice Verona –Brennero - Tratta di adduzione”, con obiettivo della project review “verificare i costi e l’ordine di priorità degli interventi delle circonvallazioni di Bolzano e Trento e dell'accesso a Verona (connessione all’interporto Quadrante Europa ed alla direttrice trasversale Brescia-Padova)”.
    La Provincia Autonoma di Bolzano, con deliberazione n. 723 del 24 luglio 2018, approva le varianti al progetto definitivo per il lotto 1 della linea d’accesso alla Galleria di Base del Brennero “Fortezza – Ponte Gardena”, conseguenti all'ottemperanza alle prescrizioni formulate con la Delibera CIPE 8/2017, alle condizioni imposte dal comitato ambientale nel parere n. 17/2018.
    Il MIT, con note del 5 settembre 2018, trasmette al Parlamento, per l'espressione del parere da parte delle commissioni permanenti competenti per materia, ai sensi della citata legge 14 luglio 1993, n. 238, lo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA, che recepisce le raccomandazioni della delibera CIPE n° 66/2017 e le osservazioni della Corte dei Conti in sede di registrazione della stessa.
    In data 24 ottobre 2018 l’VIII^ Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato esprime parere favorevole, con condizioni e osservazioni, sullo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA. In data 6 novembre 2018 la stessa Commissione esprime delle precisazioni in merito ad alcune osservazioni contenute nel proprio parere del 24 ottobre 2018. In data 25 ottobre 2018 la IX^ Commissione permanente (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati esprime parere favorevole, con condizioni e osservazioni, sullo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA. Le condizioni espresse nei suddetti pareri - di cui si dovrà tenere conto nei prossimi aggiornamenti del CdP - sono cinque e riguardano i seguenti interventi: Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Venezia-Ronchi dei Legionari e tratta Ronchi dei Legionari-Trieste; Nuova linea Trieste-Divaca; Nodo AV di Firenze, stazione in zona Belfiore-Macelli; Raddoppi selettivi o integrali di linea; Elettrificazione e/o applicazione di tecnologie «zero emission». Nello specifico le condizioni riguardano: la sospensione degli interventi 0291 “Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Venezia-Ronchi dei Legionari”, 0262 “Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Ronchi dei Legionari-Trieste” e 1604B "Nuova linea Trieste-Divaca" (già privi di coperture per la realizzazione dell’opera e con fabbisogni finanziari oltre Piano, ovvero oltre il 2026) per poi procedere al loro “ritiro” con il prossimo aggiornamento contrattuale. Per quanto attiene all’intervento A5000–1 “Nodo AV di Firenze” la revisione del progetto della stazione in zona Belfiore-Macelli al fine di contenerne i costi; quanto ai “Raddoppi selettivi o integrali di linea” la verifica della possibilità di revisionare i progetti di raddoppio al fine di individuare tratte prioritarie coerenti con le ipotesi di sviluppo dei modelli di esercizio concordati con le Regioni; quanto, infine, all’intervento “Elettrificazione e/o applicazione di tecnologie «zero emission» la possibilità di dare con i prossimi aggiornamenti al Contratto di programma, compatibilmente con le risorse disponibili, ulteriore impulso agli interventi di elettrificazione delle linee al fine di consentire la sostituzione dei mezzi ferroviari ancora oggi alimentati a combustibili fossili. Riguardo invece le 58 osservazioni espresse nei suddetti pareri la gran parte sono riferite alla possibilità di elaborare studi di fattibilità di interventi non ancora previsti nel Contratto di Programma 2017-2021 – parte Investimenti.
    Il CIPE nella seduta del 28 novembre 2018 è informato sul CdP RFI 2017-2021. In particolare l’informativa concerne il prosieguo dell’iter del Contratto di programma alla luce delle indicazioni delle competenti commissioni parlamentari. Il MIT e RFI introdurranno nelle tabelle del Contratto l’indicazione relativa allo status delle singole opere a valle dei pareri delle Commissioni Parlamentari.


    2019

    L’articolo  4, comma 1, del DL 32/2019, convertito con modificazioni dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55, prevede l’individuazione, mediante decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, degli interventi infrastrutturali caratterizzati da un elevato grado di complessità progettuale, da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa, da complessità delle procedure tecnico-amministrative ovvero che comportano un rilevante impatto sul tessuto socio-economico a livello nazionale, regionale o locale e la contestuale nomina di Commissari straordinari per la realizzazione degli interventi medesimi.
    RFI Spa, in data 22 gennaio 2019, pubblica l’avviso di avvio del procedimento volto all’approvazione, a cura del CIPE, del progetto definitivo delle varianti conseguenti all’ottemperanza alle prescrizioni formulate con l’approvazione del progetto definitivo del lotto I Fortezza-Ponte Gardena di cui alla deliberazione CIPE n. 8/2017 con contestuale dichiarazione di pubblica utilità.
    Con decreto interministeriale n. 87 del 7 marzo 2019 è approvato il CdP RFI 2017-2021 parte investimenti, tra MIT e RFI SpA sottoscritto digitalmente da RFI SpA in data 20 dicembre 2018 e dal MIT in data 28 gennaio 2019. Tale decreto è registrato alla Corte dei conti in data 9 maggio 2019.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2019, “capitolo III. Appendice: lo stato di attuazione degli interventi programmati, paragrafo III. 2 Ferrovie, figura 0.3 Interventi prioritari – modalità: ferrovie”, è inserito l’intervento “3 Direttrice Verona–Brennero”, con un costo dell’intervento di 5.922,00 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 5.054,00 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 868,00 milioni di euro.
    Il CIPE, con delibera n. 37 del 24 luglio 2019, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento del CdP RFI 2017-2021 parte investimenti per gli anni 2018 e 2019. L’aggiornamento prevede la contrattualizzazione di circa 15,4 miliardi di euro (al netto di 503 milioni di definanziamenti), di cui di 7,3 miliardi di euro di investimenti da fondi di legge di bilancio 2019 e 5,9 miliardi da legge di bilancio 2018, oltre a 2,2 miliardi di FSC 2014-2020. Al 31 ottobre 2019 l’iter per l’approvazione del CdP RFI 2017-2021 parte investimenti per gli anni 2018 e 2019 non risulta concluso. Riguardo ai contenuti, nella versione del documento inviato informalmente dal MIT nel mese di settembre 2019, l’intervento “Accesso al Brennero lotto 1 Fortezza- Ponte Gardena” è riportato nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici - Classe b - Interventi in esecuzione, interventi prioritari ferrovie - direttrici di interesse nazionale” - Classe DPP “Intervento invariante” con un costo di 1.521,60 milioni di euro interamente finanziato. E’ altresì riportato l’intervento “Accesso al Brennero lotto 2 Circonvallazione di Bolzano” nella tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici - Classe d - Interventi in progettazione, interventi prioritari ferrovie - direttrici di interesse nazionale - Classe DPP “Intervento in project review” con un costo di 851,60 milioni di euro, una copertura finanziaria complessiva di 8,29 milioni di euro e un fabbisogno di 20 milioni nel 2020 e di 823,31 milioni nel periodo 2022-2026.


    2020

    L’Autorità di regolazione dei trasporti, nella seduta del 26 marzo 2020, esprime parere, con considerazioni e osservazioni, sullo schema di Aggiornamento 2018-2019 del Contratto di Programma - parte investimenti 2017-2021 tra il MIT e RFI SpA ai sensi dell’articolo 15, comma 2, del d.lgs. 112/2015.
    Le competenti Commissioni di Camera e Senato, rispettivamente nelle sedute del 7 e 6 maggio 2020, approvano pareri favorevoli, con osservazioni, sull’aggiornamento 2018-2019 dello schema di contratto di programma 2017-2021 - Parte investimenti tra il MIT e RFI SpA (Atto del Governo n. 160). Il Contratto di Programma è divenuto operativo in data 26 ottobre 2020 con la registrazione alla Corte dei Conti del decreto interministeriale MIT/MEF n. 365 del 18 agosto 2020.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2020 - denominato “#italiaveloce - L’Italia resiliente progetta il futuro: nuove strategie per trasporti, logistica e infrastrutture” - Capitolo V. Il sistema integrato dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture: interventi e programmi prioritari per lo sviluppo del Paese, paragrafo V.2 Le ferrovie, sono inseriti: tabella V.2.4 - Interventi prioritari - modalità ferrovie (direttrici)”,  l’intervento “4 Verona-Brennero – tratta di valico - galleria e lotto 1 (Fortezza-P.te Gardena) ”, con un costo di 5.713,60 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 5.053,98 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 659,62 milioni di euro; tabella V.2.6 - interventi prioritari da sottoporre a project review - modalità ferrovia (direttrici), l’intervento  “2 Verona-Brennero – tratta di adduzione”, con un costo di 3.404,00 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 39,89 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 3.364,51 milioni di euro.
    RFI SpA, con deliberazione  n. 72 del 27 luglio 2020  (pubblicata sulla GU, parte seconda, n. 90 del 1 agosto 2020), approva il progetto definitivo della variante del  "Lotto  1  Fortezza-Ponte Gardena" del "Quadruplicamento della  linea  Fortezza- Verona" in recepimento delle prescrizioni della delibera CIPE 8/2017,  come previsto dall’art. 1, comma 15, del DL 32/2019 convertito con modificazioni dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55, sussistendo il presupposto del non superamento del 50 per cento del valore del progetto approvato dal CIPE con delibera 8/2017, nonché secondo quanto espresso dal DIPE con nota prot. 6522-P del 13 dicembre 2019. Il progetto dell’intervento infrastrutturale mantiene invariato il costo a vita intera (CVI) pari a 1.521,6 milioni di euro derivante dall’unificazione dei costi relativi al “sublotto 1” (pari a 43,6 milioni di Euro) e al “lotto 1” (pari a 1.478,00 milioni di Euro).
    In data 18 agosto 2020 RFI SpA pubblica sulla GUUE S159 il bando di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di realizzazione del lotto 1 del quadruplicamento della linea ferroviaria Fortezza-Verona, tratta Fortezza-Ponte Gardena. L’ammontare a base di gara è pari a 1.166.244.048,78 euro.
    Il CIPE nella seduta del 26 novembre 2020 riceve dal MIT un’informativa ai sensi dell’articolo 42, comma 1 del DL 76/2020, sulle varianti conseguenti all’ottemperanza a prescrizioni della delibera CIPE 8/2017 in merito al progetto definitivo del lotto 1 “Fortezza-Ponte Gardena”. 
    La Corte dei conti, Sezione centrale di controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato, con deliberazione 31 dicembre 2020, n. 19/2020/G, approva il rapporto “Le risultanze della gestione dell’intervento infrastrutturale strategico ‘Quadruplicamento della linea ferroviaria Verona-Fortezza nell’ambito dell’asse ferroviario Monaco-Verona: accesso sud alla galleria di base del Brennero’ -  Verifica del superamento delle criticità e delle patologie evidenziate nelle precedenti indagini (delibere 18/2010/G e 9/2017/G)”. Anche in questo rapporto la Corte sottolinea “le carenze delle varie progettazioni, i cui costi incidono sensibilmente, e le difficoltà di utilizzo a pieno delle risorse finanziarie al momento disponibili” e invita nuovamente i competenti soggetti istituzionali all’adozione di iniziative che favoriscano la realizzazione dell’opera nella sua interezza.


    Maggio 2022

    Il Regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021 istituisce il dispositivo per la ripresa e la resilienza.
    Le competenti Commissioni di Camera e Senato, nelle sedute dell’11 marzo 2021, approvano pareri favorevoli, con condizioni e osservazioni, sullo schema di DPCM recante l'individuazione degli interventi infrastrutturali ai sensi dell’articolo 4 del DL 32/2019 come modificato dall’articolo 9 del DL 76/2020 (Atto del Governo n. 241). L’intervento “Potenziamento Linea Fortezza-Verona” è inserito nell’elenco 1 delle opere ex art. 4, DL 32/2019, tra le “Infrastrutture ferroviarie”, con un costo stimato di 4.927 milioni al netto del costo dei lotti 5, 6 e 7. Il Commissario straordinario individuato e indicato nell’elenco 2 è Paola Firmi, Responsabile direzione tecnica RFI.
    Con DPCM del 16 aprile 2021 l’Ing. Paola Firmi, dirigente di RFI SpA, è nominato, ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 18 aprile, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, Commissario straordinario dell’intervento “Potenziamento Linea Fortezza-Verona”.
    Il PNRR dell'Italia, trasmesso il 30 aprile 2021 dal Governo alla Commissione europea, è approvato definitivamente con Decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021. Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro. Ulteriori 30,6 miliardi sono parte di un Fondo complementare, finanziato attraverso lo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile 2021. Il totale degli investimenti previsti è pertanto di 222,1 miliardi di euro.
    Il DL 59/2021, convertito dalla legge n. 101 del 2021, istituisce il Fondo complementare al PNRR,  finalizzato ad integrare, con risorse nazionali, gli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), con una dotazione complessiva di 30,6 miliardi di euro per gli anni dal 2021 al 2026, ripartendolo tra i Ministeri competenti.
    Con DL 77/2021  “Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” è definito “il quadro normativo nazionale finalizzato a semplificare e agevolare la realizzazione dei traguardi e degli obiettivi stabiliti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, di cui al regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021, dal Piano nazionale per gli investimenti complementari di cui al decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, nonché dal Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima 2030 di cui al Regolamento (UE) 2018/1999 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018.” In particolare, con l’articolo 44 sono disposte semplificazioni procedurali e tempistiche particolarmente stringenti per opere pubbliche di particolare complessità o di rilevante impatto, applicabili esclusivamente alle opere indicate nell’Allegato IV del medesimo DL;  con l’articolo 46 sono invece disposte modifiche alla disciplina del dibattito pubblico da applicare agli interventi  di  cui  all'Allegato IV, nonché  a quelli finanziati in  tutto  o  in  parte  con  le risorse del PNRR e  del  PNC. Tra i 10 interventi dell’Allegato IV è inserito il “Potenziamento linea ferroviaria  Verona- Brennero (opere  di adduzione)”.
    Il CIPESS, nella seduta del 9 giugno 2021, riceve una informativa sullo stato di avanzamento del quadruplicamento della linea ferroviaria Verona-Fortezza, nell’ambito dell’asse ferroviario Monaco-Verona: accesso sud alla galleria di base del Brennero”, per il quale sono state richieste informative periodiche al Comitato sullo stato di avanzamento dell’opera al fine dell’accelerazione realizzativa.
    Con DM MEF del 15 luglio 2021, adottato ai sensi del comma 7 dell’articolo 1 del DL 59/2021, sono individuati per ciascun intervento o programma gli obiettivi iniziali, intermedi e finali determinati in relazione al cronoprogramma finanziario e coerenti con gli impegni assunti nel PNRR con la Commissione europea sull'incremento della capacità di spesa collegata all'attuazione degli interventi del Piano nazionale per gli investimenti complementari.
    L’articolo 73-ter “Disposizioni urgenti per il settore ferroviario” della legge 23 luglio 2021, n. 106, di conversione, con modificazioni, del DL 73/2021, recante «Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali», dispone, tra l’altro, “1. Al fine di permettere l'avvio immediato degli  interventi  sulla rete ferroviaria nazionale, l'aggiornamento,  per  gli  anni  2020  e 2021, del contratto di programma 2017-2021 - parte  investimenti  tra il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e la società Rete ferroviaria italiana  si  considera  approvato  con  il parere favorevole espresso  dal  Comitato  interministeriale  per  la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile e gli stanziamenti ivi  previsti  si  considerano  immediatamente  disponibili  per   la società Rete ferroviaria italiana ai fini dell'assunzione di impegni giuridicamente vincolanti”.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2021 - denominato “Dieci anni per trasformare l’Italia – Strategie per infrastrutture, mobilità e logistica sostenibili e resilienti – Per il benessere delle persone e la competitività delle imprese, nel rispetto dell’ambiente” - Appendice: dettaglio degli interventi e programmi prioritari per lo sviluppo del Paese, parte A.1 Le ferrovie, Tabella A.1.3 Interventi Prioritari Ferrovie (Direttrici) sono inseriti gli interventi: “4 Verona-Brennero - Tratta di valico: galleria e lotto 1 (Fortezza-P.te Gardena)”, con un costo dell’intervento di 5.714 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 5.054 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 660 milioni di euro; “4 Verona Brennero - Circonvallazione di Trento”, con un costo dell’intervento di 1.180 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 930 milioni di euro a valere sul fondo NGEU e un fabbisogno residuo di 250 milioni di euro.
    Il CIPESS, con delibera n. 45 del 27 luglio 2021, esprime parere favorevole sull’aggiornamento per gli anni 2020-2021 del contratto di programma 2017-2021 - parte investimenti tra il MIMS e Rete ferroviaria italiana SpA.
    Con DM MEF del 6 agosto 2021 sono assegnate le risorse del PNRR in favore di ciascuna Amministrazione titolare degli interventi e definiti i traguardi e gli obiettivi che concorrono alla presentazione delle richieste di rimborso semestrale alla Commissione europea.
    Il Commissario straordinario, con Ordinanza n. 1  del 12 agosto 2021, adotta disposizioni organizzative aventi a riferimento il “Potenziamento Linea Fortezza-Verona”.
    In data 11 ottobre 2021 RFI SpA, in qualità di ente aggiudicatore e stazione appaltante, in tutte le fasi del procedimento del dibattito pubblico, inoltra al MIMS, Commissione nazionale dibattito pubblico, l’istanza di  avvio della procedura di dibattito pubblico per la realizzazione del “Lotto 3a: Circonvallazione di Trento”. Il  dibattito pubblico ha avuto inizio il 15 ottobre 2021 e si è concluso a febbraio 2022.
    In data 14 ottobre 2021 RFI SpA emette le Linee Guida “L’iter procedurale dei Progetti in gestione commissariale” che definiscono ruoli, responsabilità e modalità attuative, al fine di assicurare in ambito RFI il corretto svolgimento dell’iter procedurale dei Progetti affidati alla gestione dei Commissari straordinari di cui all’art. 4 della L. n. 55/2019 e s.m.i., nonché quello per i progetti inseriti nell’Allegato IV del DL 77/2021, convertito con modificazioni dalla L. 108/2021.
    Il  DL 152/2021 “Disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di  ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, reca disposizioni per la semplificazione delle procedure riguardanti gli investimenti ferroviari (articolo 5) e per l’approvazione dei progetti ferroviari (articolo 6).
    In data 25 novembre 2021 è sottoscritto l’Aggiornamento 2020-2021 del Contratto di Programma 2017–2021, parte investimenti, tra MIMS e RFI SpA. Il CdP recepisce l’evoluzione della programmazione e dei finanziamenti (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, Fondo Complementare, Allegato Infrastrutture al DEF) e in maniera sinergica e complementare finalizza le risorse delle Leggi di Bilancio 2020 e 2021, contrattualizzando  in un unico atto tutti gli investimenti da avviare e quelli per dare continuità alle opere in corso, già approvate nell’Aggiornamento 2018-2019 del Contratto di Programma, al fine di garantirne l’immediata attuazione. Nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici, Classe b - Interventi in esecuzione” è riportato l’intervento “Accesso al Brennero lotto 1 - Fortezza-Ponte Gardena”, Classe DPP “intervento invariante”, con un costo di 1.521,60 milioni di euro interamente finanziato. Nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici, Classe c - Interventi prioritari” sono riportati gli interventi: “Accesso al Brennero lotto 2- Circonvallazione di Bolzano”, Classe DPP “intervento in project review”, con un costo di 851,60 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 8,29 milioni e un fabbisogno residuo di, 843,31 milioni nel quinquennio 2022-2026; “Accesso al Brennero lotto 3 - Circonvallazione di Trento e Rovereto”, Classe DPP “intervento in project review”, con un costo di 1.555,00 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 936,90 milioni, di cui 930 milioni a valere sulle risorse PNRR M3C1, e un fabbisogno residuo di 618 milioni di cui 243 nel quinquennio 2022-2026 e 375 oltre il 2026. L’intervento “Circonvallazione di Trento” fa parte delle opere del “paniere PNRR”; “Accesso al Brennero lotto 4 - Ingresso nel nodo di Verona”, Classe DPP “intervento in project review”, con un costo di 997,80 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 24,70 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 973 milioni di cui 613,20 nel quinquennio 2022-2026 e 359,90 oltre il 2026. Nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici, Classe d - Interventi in progettazione” è riportato l’intervento “Accesso al Brennero lotti di completamento (studi)”, Classe DPP “intervento in project review”, con un costo di 3,00 milioni di euro interamente da finanziare.
    Il Commissario straordinario, con Ordinanza n. 2  del 16 dicembre 2021, approva il programma generale delle attività dell’interventi il “Potenziamento Linea Fortezza-Verona”.
    Nel documento Italiadomani PNRR “Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Attuazione delle misure del PNRR”, relativo al contributo del MIMS alla relazione al Parlamento sullo stato di attuazione del PNRR, con dati aggiornati al 17 dicembre 2021, al punto 4 “Progetti in essere”, Tabella 25 – Dettaglio interventi in ambito ferroviario, PNRR - M3C1 Infrastruttura Ferroviaria Nazionale - Misura 1.2 Alta Velocità al Nord” è inserito l’intervento “Lotto prioritario: circonvallazione di Trento” con un totale risorse PNRR di 930,00 milioni di euro.
    Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2022 - denominato “Dieci anni per trasformare l’Italia – Strategie per infrastrutture, mobilità e logistica sostenibili e resilienti – Per il benessere delle persone e la competitività delle imprese, nel rispetto dell’ambiente” – capitolo III. Gli interventi e i programmi prioritari per lo sviluppo del paese, punto 2 Le ferrovie, Tabella III.2.3. Interventi Prioritari - Modalità: Ferrovia (Direttrici) sono inseriti gli interventi: “5 Verona-Brennero - Tratta di valico: galleria e lotto 1 (Fortezza-P.te Gardena)”, con un costo dell’intervento di 5.713 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 4.984 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 729 milioni di euro; “5 Verona-Brennero - Circonvallazione di Trento e Rovereto”, con un costo dell’intervento di 1.555 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 937 milioni di euro di cui 930 milioni di nuove risorse PNRR e un fabbisogno residuo di 618 milioni di euro. E’ inoltre inserito tra gli “interventi prioritari da sottoporre a project review - modalità: ferrovia (direttrici)” l’intervento “5 Verona-Brennero - Tratta di adduzione”, con la nota “Sono esclusi gli interventi già confermati tra gli Interventi Prioritari - Ferrovia (Direttrici)”, un costo di 1.849 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 33 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 1.816 milioni di euro.
    Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2022, risulta il seguente avanzamento per lotti:
    -        lotto 1 - Quadruplicamento Fortezza-Ponte Gardena, lavori aggiudicati l’8 giugno 2021; progettazione esecutiva in corso a cura dell’impresa aggiudicataria; avvio lavori previsto ad ottobre 2022 e la loro ultimazione a maggio 2029;
    -        lotto 2 - Circonvallazione di Bolzano, a marzo 2022 è avviata la project review del progetto preliminare del 2003;
    -        lotto 3.a - Circonvallazione di Trento,  in corso l’aggiornamento del PFTE sottoposto all'iter autorizzativo, ai sensi del DL 77/2021 convertito con modificazioni nella L. 108/2021, avviato ad ottobre 2022;
    -        lotto 3.b - Circonvallazione di Rovereto, studio di fattibilità;
    -        lotto 4 - Ingresso nel nodo di Verona, a dicembre 2020 è avviata la project review del progetto preliminare del 2004;
    lotti di completamento (studi), i lotti di completamento si suddividono ulteriormente in 3 lotti: lotto 5 Bronzolo-Trento Nord; lotto 6 Rovereto-Pescantina; lotto 7, Ponte Gardena-Prato Isarco. Per il lotto 5 è disponibile uno studio di fattibilità delle Provincie Autonome di Bolzano e Trento del 2009. Per il lotto 6 è disponibile uno studio di fattibilità della Provincia Autonoma di Trento del 2009 e della Provincia di Verona del 2013. Per il lotto 7 è disponibile uno studio di fattibilità del 2003.


    COSTO PRESUNTO (milioni di euro)
    Previsione al 31 dicembre 2020
    4.926,000
    - Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2018/2019
    Costo al 29 luglio 2021
    4.926,000
    - Fonte: Allegato Infrastrutture al DEF 2021
    Costo al 20 maggio 2022
    4.926,000
    - Fonte: Allegato Infrastrutture al DEF 2022
    Previsione al 31 maggio 2022
    4.929,000
    - Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021
    QUADRO FINANZIARIO (milioni di euro)
    Risorse disponibili al 31 maggio 2022
    2.491,490

    Fondi PNRR - M3C1
    930,000
    Fonte: MIMS - Attuazione delle misure del PNRR
    Fondi pubblici
    1.546,990
    Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021
    Fondi UE
    14,500
    Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021

    Fabbisogno residuo al 31 maggio 2022
    2.437,510

    Accesso al Brennero lotto 1 - Quadruplicamento Fortezza-Ponte Gardena
    STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
    PROGETTAZIONE
    Livello di progettazione raggiunto
    Progettazione esecutiva
    Conferenza servizi
    Conclusa
    Note
    La Progettazione Definitiva è stata eseguita da Italferr S.p.A. Società del Gruppo FS in ordine alla Convenzione tra RFI e Italferr per i Servizi d'Ingegneria. Il progetto definitivo è stato pubblicato ai sensi e per gli effetti dell'art 166 comma 2 del D.lvo 163/2006 in data 23/10/2015. In data 3 marzo 2017 il CIPE, con delibera 8/2017 ha approvato il progetto definitivo (GU 131 del 8/6/2017). In data 6/11/2017 sono stata trasmesse al MIT le varianti conseguenti all'ottemperanza alle Prescrizioni formulate della Delibera CIPE 8/2017-GU 08/06/2017. In data 22 marzo 2018 è stato trasmesso al MIT un aggiornamento progettuale a seguito lettera della Provincia Autonoma di Bolzano del 18 dicembre 2017. Il MIT con nota del 04 maggio 2018 ha convocato la CdS, la cui prima seduta si è tenuta il 25 maggio 2018. In data 20/12/2018 è stato trasmesso al MIT un secondo aggiornamento progettuale a seguito della Deliberazione n. 723 del 24 luglio 2018 della Provincia Autonoma di Bolzano. In data 25 febbraio 2019 si è tenuta una nuova seduta di CdS convocata dal MIT. Con nota Prot. U.4558.25-06-2020, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Direzione Generale per il Trasporto e le Infrastrutture Ferroviarie ha trasmesso tutta la documentazione acquisita agli atti della Conferenza di Servizi, compreso il parere del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare espresso sulla base delle risultanze della Commissione di Verifica dell’Impatto Ambientale, corredata dalle valutazioni di competenza, per l’approvazione del progetto delle varianti del “Lotto 1 Fortezza - Ponte Gardena” a cura del soggetto aggiudicatore alla luce di quanto previsto dall’art. 1, comma 15 del D.L. n. 32/2019, convertito con modificazione dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55 ed in linea con quanto espresso dal DIPE con nota prot. 6522-P del 13 dicembre 2019. L’iter è stato quindi completato con l’emissione della Delibera RFI n. 72/2020 del 27/07/2020 con la quale viene approvato il progetto definitivo delle parti variate. A seguito bando di gara è stato affidato l'appalto integrato al Consorzio Dolomiti Webuild Implenia per i lavori di opere civili, armamento ferroviario e trazione elettrica. E' in fase di ultimazione la Progettazione Esecutiva. E' previsto un successivo appalto per la parte tecnologica.
    Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
    Progettazione definitiva Esterno 1.478.158.354,00 24.101.726,14 24.101.726,14 ITALFEER S.p.A. 13/09/2011 24/04/2013
    Progettazione esecutiva Esterno 1.478.158.354,00 1.165.744.048,78 1.071.442.055,63 CONSORZIO DOLOMITI WEBUILD IMPLENIA 23/06/2021 12/05/2029

    AFFIDAMENTO LAVORI
    Soggetto aggiudicatore
    RFI SpA
    Modalità di selezione
    Affidamento con bando
    Procedura
    Procedura aperta
    Sistema di realizzazione
    Appalto integrato
    Criterio di aggiudicazione
    Offerta economicamente più vantaggiosa
    Fase progettuale a base di gara
    Definitivo
    Tempi di esecuzione
    Progettazione
    1 anni
    Lavori
    7 anni
    Data bando
    18/08/2020
    CIG/CUI
    84034580EC
    Data aggiudicazione
    08/06/2021
    Tipo aggiudicatario
    ATI
    Nome
    CONSORZIO DOLOMITI WEBUILD IMPLENIA
    Codice fiscale
    03125930218
    Data stipula contratto
    Quadro economico
    Importo a base di gara(1)
    1.106.064.968,54
    Importo oneri per la sicurezza
    59.679.080,24
    Importo complessivo a base di gara
    1.165.744.048,78
    Importo di aggiudicazione(2)
    1.011.762.975,39
    Somme a disposizione
    275.089.000,00
    Importo totale
    1.286.851.975,39
    % Ribasso di aggiudicazione
    8,53
    % Rialzo di aggiudicazione
    Note

    1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
    2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture
    ESECUZIONE LAVORI
    Stato avanzamento lavori
    Non disponibile
    Data presunta inizio lavori
    18/10/2022
    Data effettiva inizio lavori
    Stato avanzamento (importo)
    Stato avanzamento (percentuale)
    Data presunta fine lavori
    13/05/2029
    Data effettiva fine lavori
    Data presunta fine lavori x varianti
    Tempi realizzazione
    Descrizione ritardo
    Data collaudo statico
    Data collaudo tecnico-amministrativo
    Note
    Accesso al Brennero lotto 2 - Circonvallazione di Bolzano
    STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
    PROGETTAZIONE
    Livello di progettazione raggiunto
    Progettazione preliminare
    Conferenza servizi
    Non disponibile
    Note
    Tra dic. 2002 e mag. 2003 fu sviluppato il Progetto Preliminare che venne trasmesso da RFI al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel giugno 2003 secondo l’iter approvativo previsto dalla L.443/2001 (Legge Obiettivo). Il CIPE aveva approvato il progetto preliminare del Lotto 2, tuttavia nel 2008 la Delibera di approvazione non fu ammessa al visto di legittimità da parte della Corte dei Conti per problemi connessi alla copertura finanziaria dell’intervento e pertanto è venne inserito nei progetti da sottoporre a Project Review di cui all’allegato DEF 2017. A marzo 2022 è stata avviata la Project Review del PP 2003.
    Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
    Progettazione preliminare Esterno ITALFERR (GRUPPO FS) 16/03/2022 16/03/2023

    ESECUZIONE LAVORI
    Stato avanzamento lavori
    Non disponibile
    Data presunta inizio lavori
    Data effettiva inizio lavori
    Stato avanzamento (importo)
    Stato avanzamento (percentuale)
    Data presunta fine lavori
    Data effettiva fine lavori
    Data presunta fine lavori x varianti
    Tempi realizzazione
    Descrizione ritardo
    Data collaudo statico
    Data collaudo tecnico-amministrativo
    Note
    Accesso al Brennero lotto 3 Circonvallazione di Trento e Rovereto
    STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
    PROGETTAZIONE
    Livello di progettazione raggiunto
    Progettazione preliminare
    Conferenza servizi
    In corso
    Note
    La scheda si riferisce al Progetto di Fattibilità Tecnico Economica per gara della Circonvallazione di Trento. Il PFTE per gara è l'arricchimento del PFTE che è stato sottoposto all'iter autorizzativo avviatosi nell'ottobre 2022(iter da DL 77/2021 convertito con modificazioni nella L. 108/2021).
    Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
    Progettazione preliminare Esterno 8.760.000,00 Italferr 18/10/2021 30/06/2022
    Accesso al Brennero lotto 4: Ingresso nel nodo di Verona
    STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
    PROGETTAZIONE
    Livello di progettazione raggiunto
    Progettazione preliminare
    Conferenza servizi
    Non disponibile
    Note
    In esito all'inserimento del Progetto Preliminare del 2014 tra le opere da sottoporre a Project Review (di cui all’allegato DEF 2017), a dicembre 2020 è stata avviata la Project Review del PP 2014.
    Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
    Progettazione preliminare Esterno 1.635.988,60 ITF 17/12/2020 30/06/2022
    Accesso al Brennero lotti di completamento (studi)
    STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
    PROGETTAZIONE
    Livello di progettazione raggiunto
    Studio di fattibilità
    Conferenza servizi
    Non disponibile
    Note
    I lotti di completamento si suddividono ulteriormente in 3 lotti : Lotto 5: Bronzolo –Trento Nord / Lotto 6: Rovereto –Pescantina / Lotto 7: Ponte Gardena –Prato Isarco. Lotto 5 è presente uno studio di fattibilità delle Provincie Autonome di Bolzano e Trento del 2009. Per il lotto 6 è presente Studio di fattibilità della Provincia Autonoma di Trento del 2009 e della Provincia di Verona del 2013. Per il lotto 7 è presente Studio di fattibilità del 2003
    NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
    DL 32/2019 del 18 aprile 2019
    Atto del Governo n. 241 - Schema di DPCM recante l'individuazione degli interventi infrastrutturali ai sensi dell’articolo 4 del DL 32/2019 come modificato dall’articolo 9 del DL 76/2020 del 20 gennaio 2021
    Regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021
    DPCM del 16 aprile 2021
    DL 59/2021 del 6 maggio 2021
    DL 77/2021 del 31 maggio 2021
    Seduta CIPESS del 9 giugno 2021
    Decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021
    DM MEF del 15 luglio 2021
    DM MEF del 15 luglio 2021
    Legge n. 106 del 23 luglio 2021
    Delibera CIPESS 45/2021 del 27 luglio 2021
    DM MEF del 6 agosto 2021
    Commissario straordinario - Ordinanza n. 1 del 12 agosto 2021
    DL 152/2021 del 6 novembre 2021
    CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021 del 25 novembre 2021
    Commissario straordinario - Ordinanza n. 2 del 16 dicembre 2021
    Italiadomani PNRR - Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili - Attuazione delle misure del PNRR del 17 dicembre 2021