SILOS Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

Ferrovie

FERROVIE / Direttrice Adriatico-Jonica / Adeguamento e velocizzazione Bologna-Lecce e raddoppio Termoli-Lesina / Raddoppio Pescara-Bari / Completamento raddoppio Pescara-Bari - Tratta Termoli-Chieuti-Lesina

SCHEDA N. 208

| | |
Costo
  • Dati monitoraggio
  • Dati delibere CIPESS o Allegati infrastrutture ai DEF
Quadro finanziario

Quadro finanziario al 31/05/2022

Localizzazione
Cup
  • J71H92000000007
SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Ferrovie

Soggetto titolare

RFI SpA

Descrizione

Il progetto del raddoppio della tratta ferroviaria Termoli-Lesina interessa 31 km di rete ferroviaria, che attraversa i territori dei comuni di Termoli e Campomarino in Molise e i comuni di Chieuti, Serracapriola e Lesina in Puglia, ed è stato suddiviso in tre lotti: Lotto 1 “Ripalta - Lesina”, che si sviluppa per circa 6.844 m dalla progressiva 24+200 alla progressiva 31+044, attraversando il solo territorio pugliese; Lotto 2 “Termoli - Campomarino”, che si sviluppa per 5.940 m dalla progressiva 0+000 alla progressiva 5+940 attraversando il solo territorio molisano e i Comuni di Termoli e Campomarino, ha inizio a sud della stazione di Termoli (progressiva FS 440+400) e termina a sud della stazione di Campomarino; Lotto 3 “Campomarino - Ripalta”, che si sviluppa per 18.260 m dalla progressiva 5+940 alla progressiva 24+200, attraversando sia il territorio molisano che il territorio pugliese. Le principali finalità del progetto sono: l’aumento della velocità massima del tracciato e della capacità della linea; l’elevazione degli indici di qualità del servizio, in termini di regolarità del traffico e di migliore adattabilità della domanda di trasporto; la riduzione dei costi d’uso dell’infrastruttura e il migliore coordinamento delle attività di circolazione dei treni, nonché di manutenzione delle infrastrutture stesse; il miglioramento dell’offerta conseguente alla riduzione dei tempi di percorrenza.

Delibere CIPESS e/o ordinanze attuative

2/2015
89/2017
1/2021
2/2021
3/2021

Dati storici

2001

L'opera “Asse ferroviario Bologna-Bari-Lecce-Taranto” è inserita nel 1° PIS di cui alla delibera CIPE n. 121/2001 alla voce “Corridoio plurimodale adriatico”.
L’opera è inserita nell’Intesa Generale Quadro sottoscritta tra Governo e Regione Puglia del 10 ottobre 2003, nell’ambito della “Tratta pugliese del Corridoio ferroviario Bologna - Lecce”.


2004

L’opera è inserita nell’Intesa Generale Quadro sottoscritta tra Governo e Regione Molise del 3 giugno 2004, nell’ambito della “Tratta Molisana del Corridoio Adriatico Bologna - Lecce”, nonché nel relativo 1° atto integrativo del 23 gennaio 2009.


2012

In data 2 agosto 2012 viene sottoscritto il Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della “direttrice ferroviaria Napoli-Bari-Lecce-Taranto”, tra il Ministro per la coesione territoriale, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, la Regione Campania, la Regione Basilicata, la Regione Puglia, Ferrovie dello Stato SpA e Rete ferroviaria italiana SpA. Tale contratto ha per oggetto la progettazione, la realizzazione, fino all’entrata in esercizio, degli interventi della Direttrice ferroviaria Napoli-Bari-Lecce- Taranto, ivi inclusa la linea ferroviaria Potenza- Foggia, del costo complessivo di 7,116 miliardi di euro dei quali 106 Meuro per l’intervento “Raddoppio Pescara-Bari: tratta Ripalta-Lesina”.


2013

RFI SpA trasmette il progetto preliminare al MIT, il 28 febbraio 2013, alle altre amministrazioni interessate o competenti, tra il 20 e il 25 febbraio, e al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, il 27 marzo 2013.
Il 1° marzo 2013, RFI SpA pubblica l’avviso di avvenuto deposito del progetto presso le rispettive sedi della Regione Puglia, della Regione Molise, del MATTM e del MIBAC, al fine della consultazione da parte del pubblico e della presentazione di eventuali osservazioni.
L'opera è inserita nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013.
In data 15 maggio 2013 si tiene la conferenza di servizi.
In data 17 giugno 2013, il MIBAC esprime parere tecnico favorevole, con prescrizioni.
In data 12 luglio 2013, la Commissione Tecnica di Verifica dell’Impatto Ambientale – VIA e VAS del MATTM, esprime parere positivo, con prescrizioni.
L'opera è inserita nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013), Tabella: 0 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) Avanzamento complessivo; Tabella 2 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) – Progettazioni non incluse nel perimetro deliberati dal CIPE (2002 - 2013 settembre) Iter istruttorio in corso ai sensi della Legge 443/2001 e s.m.i..
In data 19 novembre 2013 la Regione Puglia, con DGR n. 2160, esprime parere favorevole sulla localizzazione dell’opera e il 2 dicembre 2014 lo integra.


Dicembre 2014

In data 20 febbraio 2014, il Consiglio superiore dei lavori pubblici esprime parere favorevole, con osservazioni e prescrizioni.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014, Tabella A.1-1 Tabella 0 - Avanzamento Programma Infrastrutture Strategiche.
Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.
Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla Nota di aggiornamento del DEF 2013. L’opera è inserita nella “Tabella 0 Avanzamento Programma infrastrutture strategiche”.
Nel CdP RFI 2012-2016, sottoscritto tra il MIT e RFI SpA l’8 agosto 2014, l’opera è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 550 Meuro, una copertura finanziaria di 106 Meuro (98 Meuro da risorse MEF e 8 Meuro da risorse UE) e un fabbisogno di 443 Meuro.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014): Tabella 0 – Stato dell’arte e degli avanzamenti del Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 0.1 Il programmatico: le opere in progettazione.
La Commissione Europea, in data 29 ottobre 2014, adotta l’Accordo di Partenariato con l’Italia per l'impiego dei fondi strutturali e di investimento europei per la crescita e l’occupazione nel periodo 2014-2020.
L’art. 1, comma 10, della legge 11 novembre 2014 n. 164 (legge di conversione del decreto-legge 1° settembre 2014, n. 133) stabilisce che il CdP RFI 2012-2016, parte investimenti, sottoscritto in data 8 agosto 2014, deve essere approvato con decreto del MIT di concerto con il MEF.
In data 17 novembre 2014 la Regione Molise, con DGR n. 591, esprime parere favorevole, con prescrizioni, sulla localizzazione dell’opera.
L’articolo 1, comma 703, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015), definisce le nuove procedure di programmazione delle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020.


Marzo 2016

Il CIPE, con delibera n. 2 del 28 gennaio 2015, approva il progetto preliminare, con prescrizioni e raccomandazioni, del primo lotto Ripalta-Lesina e, solo in linea tecnica, i progetti preliminari del secondo (Termoli-Campomarino) e terzo lotto (Campomarino-Ripalta) della tratta Termoli-Lesina della linea ferroviaria Pescara – Bari. L’importo di 549 Meuro, IVA esclusa, costituisce il limite di spesa dell’intervento nel suo complesso e la copertura finanziaria del primo lotto “Ripalta-Lesina è individuata a carico delle risorse di cui alla Tabella A04 del CdP RFI 2012-2016 - Parte investimenti, sottoscritto l’8 agosto 2014.
CIPE, con delibera n. 8 del 28 gennaio 2015, prende atto dell’Accordo di Partenariato Italia 2014-2020, adottato con decisione esecutiva in data 29 ottobre 2014 dalla Commissione Europea e relativo alla programmazione dei Fondi SIE (Fondi strutturali e di investimento europei) per il periodo 2014-2020.
Con decreto interministeriale n. 158 del 18 maggio 2015 è approvato il CdP RFI 2012-2016 parte investimenti, sottoscritto in data 8 agosto 2014 tra RFI SpA e il MIT.
Il CIPE, con delibera n. 112 del 23 dicembre 2015, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2015 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
Con DPCM 25 febbraio 2016 è istituita la Cabina di Regia, di cui all’articolo 1, comma 703, lettera c), della legge 23 dicembre 2014, n. 190, che, per la programmazione del Fondo sviluppo e coesione 2014-2020, costituisce la sede di confronto tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano nonché le Città metropolitane e assicura il raccordo politico, strategico e funzionale per facilitare un’efficace integrazione tra gli investimenti promossi, imprimere l’accelerazione e garantirne una più stretta correlazione con le politiche governative per la coesione territoriale.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2016, risulta in corso di elaborazione la progettazione definitiva del primo lotto. 


Dicembre 2016

Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2015, sottoscritto il 29 aprile 2016, l’opera “Raddoppio Pescara-Bari completamento (tratte Termoli-Ripalta-Lesina)” è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 550 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 106 Meuro (98 Meuro risorse MEF e 8 Meuro risorse UE) e un fabbisogno di 443 Meuro di cui 10 Meuro quale impegno programmatico per il 2016.
Il CIPE, nella seduta del 10 agosto 2016, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2016 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2016, sottoscritto il 17 giugno 2016 e approvato con legge 1 dicembre 2016, n. 225, l’opera “Raddoppio Pescara-Bari completamento (tratte Termoli-Ripalta-Lesina)” è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 550 Meuro interamente finanziato (542 Meuro da risorse MEF e 8 Meuro da risorse UE). La stessa opera è riportata nelle Tabelle “Variazioni intervenute alle risorse finanziarie dei programmi/progetti di investimento rispetto al precedente Atto Contrattuale” con 443 Meuro di risorse aggiuntive.
In data 26 luglio 2016 è sottoscritto, tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Molise, il Patto per lo sviluppo della regione Molise “Attuazione degli interventi prioritari e individuazione delle aree di intervento strategiche per il territorio” che prevede interventi per un importo complessivo di 727,700 Meuro di cui 378,000 Meuro da finanziare con risorse FSC 2014-2020.
Il CIPE, con delibera n. 25 del 10 agosto 2016, approva le aree tematiche e i relativi obiettivi strategici a cui destinare la dotazione finanziaria del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020 e stabilisce che l’elaborazione dei piani operativi deve tenere conto delle finalizzazioni delle risorse indicativamente esposte nelle tabelle allegate alla delibera stessa. Per l’area tematica “Infrastrutture” è prevista una dotazione finanziaria di 11,5 miliardi di euro.
Il CIPE, con delibera n. 26 del 10 agosto 2016, assegna le risorse a valere sul Fondo FSC 2014-2020, alle Regioni e alle Città metropolitane del Mezzogiorno (o Comuni capoluogo dell’Area metropolitana) per l’attuazione di interventi da realizzarsi mediante appositi Accordi inter-istituzionali denominati “Patti per il Sud”. La dotazione finanziaria del Patto con la Regione Molise è determinata in 378,000 Meuro. Con la delibera 26/2016 sono altresì approvati i contenuti dei Patti per il Sud e le modalità di attuazione (regole procedurali, criteri di ammissibilità, modalità di riprogrammazione, casi di revoca e modalità di trasferimento delle risorse).
Il CIPE, con delibera n. 54 del 1 dicembre 2016, approva il Piano operativo infrastrutture (POI), di competenza del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in applicazione dell’art. 1, comma 703, lettera c), della legge n. 190/2014 (legge di stabilità 2015) e della delibera CIPE 25/2016, che ha ripartito le risorse del FSC 2014-2020 tra le aree tematiche nazionali e gli obiettivi strategici. La dotazione finanziaria del POI è pari a 11.500 milioni di euro ed è posta a valere sulle risorse FSC 2014- 2020 destinate all’area tematica «1 Infrastrutture» dalla delibera n. 25/2016. Nel POI, Asse tematico B: Interventi nel settore ferroviario, Linea di azione Interventi per il miglioramento funzionale e prestazionale delle infrastrutture esistenti, riducendo strozzature e colli di bottiglia, regione  Molise, è inserito l’intervento “Variante proposta dalla Regione Molise per l'ottimizzazione urbanistica e territoriale del tracciato tra km 1+940 (lotto 2 Termoli-Campomarino) e 8+298 (lotto 3 Campomarino-Ripalta)”, con un ammontare di 150 milioni di risorse assegnate.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2016, risulta avviata a novembre 2016 la progettazione definitiva dei lotti 2 e 3. Per il 1° lotto risulta invece disponibile la progettazione definitiva ed è in corso l'iter di approvazione da parte del CIPE.


Maggio 2018

Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2017, appendice 2 – Interventi, tabella Interventi prioritari – ferrovie, nell’ambito della “Direttrice Adriatico- Ionica”, identificata con il codice 8, è inserito l’intervento: Adriatica: Velocizzazione Bologna-Foggia-Bari-Lecce (AVR)”, classificato “invariante”.
In data 1 agosto 2017 è sottoscritto lo schema di contratto di programma RFI, parte investimenti 2017-2021, sul quale il CIPE ha espresso parere favorevole, con raccomandazioni, con delibera n. 66 del 7 agosto 2017, registrata con osservazioni dalla Corte dei Conti e pubblicata in GU n. 83 del 10 aprile 2018. Riguardo ai contenuti, il nuovo piano degli investimenti in corso e programmatici è articolato in 4 sezioni di cui la prima è composta dalle opere da realizzare dotate di integrale copertura finanziaria (opere in corso finanziate) mentre le altre tre (fabbisogni finanziari 2018-2021, 2022-2026 e oltre Piano) hanno carattere programmatico. Inoltre sulla base delle indicazioni fornite dall’allegato al DEF 2017 “Connettere l’Italia: fabbisogni e progetti di infrastrutture” è riportata, tra l’altro, la classe DPP suscettibile di variazioni sulla base delle indicazioni del documento pluriennale di pianificazione. Nella tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A08 - Interventi prioritari ferrovie - direttrici di interesse nazionale – è riportato l’intervento: Completamento raddoppio Pescara-Bari (tratta Termoli-Lesina), con classe DPP “intervento invariante”, con un costo di 700 milioni di euro interamente finanziato.
L’Autorità di regolazione dei trasporti, nella seduta del 30 novembre 2017, esprime parere sul CdP RFI 2017-2021 parte investimenti.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2018, capitolo IV. Lo stato di attuazione degli interventi programmati, paragrafo IV. 2 Ferrovie, tabella Interventi prioritari invarianti – modalità: ferrovie, è inserito l’intervento “8 Direttrice Adriatico-Ionica - Adriatica - Velocizzazione Bologna-Foggia-Bari (AVR): Raddoppio Pescara-Bari, Adeguamento del tracciato e velocizzazione dell'asse ferroviario Bologna-Lecce)”, con un costo di 1.349 milioni di euro interamente disponibili.
Il CIPE, con delibera n. 89 del 22 dicembre 2017, approva il progetto definitivo del lotto 1 Ripalta-Lesina dell’intervento Linea ferroviaria Pescara-Bari: raddoppio della tratta Termoli-Lesina. L’importo di 106 milioni di euro costituisce il limite di spesa dell’intervento.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2018, riguardo al 1° lotto Ripalta-Lesina, risulta approvato dal CIPE, in data 22 dicembre 2017, il progetto definitivo. Per i restanti lotti si sta procedendo al completamento della progettazione definitiva.


Ottobre 2019

Il MIT, con note del 5 settembre 2018, trasmette al Parlamento, per l'espressione del parere da parte delle commissioni permanenti competenti per materia, ai sensi della citata legge 14 luglio 1993, n. 238, lo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA, che recepisce le raccomandazioni della delibera CIPE n° 66/2017 e le osservazioni della Corte dei Conti in sede di registrazione della stessa.
In data 24 ottobre 2018 l’VIII^ Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni) del Senato esprime parere favorevole, con condizioni e osservazioni, sullo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA. In data 6 novembre 2018 la stessa Commissione esprime delle precisazioni in merito ad alcune osservazioni contenute nel proprio parere del 24 ottobre 2018. In data 25 ottobre 2018 la IX^ Commissione permanente (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati esprime parere favorevole, con condizioni e osservazioni, sullo schema di CdP 2017-2021 – parte Investimenti, tra il MIT e RFI SpA. Le condizioni espresse nei suddetti pareri - di cui si dovrà tenere conto nei prossimi aggiornamenti del CdP - sono cinque e riguardano i seguenti interventi: Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Venezia-Ronchi dei Legionari e tratta Ronchi dei Legionari-Trieste; Nuova linea Trieste-Divaca; Nodo AV di Firenze, stazione in zona Belfiore-Macelli; Raddoppi selettivi o integrali di linea; Elettrificazione e/o applicazione di tecnologie «zero emission». Nello specifico le condizioni riguardano: la sospensione degli interventi 0291 “Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Venezia-Ronchi dei Legionari”, 0262 “Linea AV/AC Venezia-Trieste: tratta Ronchi dei Legionari-Trieste” e 1604B "Nuova linea Trieste-Divaca" (già privi di coperture per la realizzazione dell’opera e con fabbisogni finanziari oltre Piano, ovvero oltre il 2026) per poi procedere al loro “ritiro” con il prossimo aggiornamento contrattuale. Per quanto attiene all’intervento A5000–1 “Nodo AV di Firenze” la revisione del progetto della stazione in zona Belfiore-Macelli al fine di contenerne i costi; quanto ai “Raddoppi selettivi o integrali di linea” la verifica della possibilità di revisionare i progetti di raddoppio al fine di individuare tratte prioritarie coerenti con le ipotesi di sviluppo dei modelli di esercizio concordati con le Regioni; quanto, infine, all’intervento “Elettrificazione e/o applicazione di tecnologie «zero emission» la possibilità di dare con i prossimi aggiornamenti al Contratto di programma, compatibilmente con le risorse disponibili, ulteriore impulso agli interventi di elettrificazione delle linee al fine di consentire la sostituzione dei mezzi ferroviari ancora oggi alimentati a combustibili fossili. Riguardo invece le 58 osservazioni espresse nei suddetti pareri la gran parte sono riferite alla possibilità di elaborare studi di fattibilità di interventi non ancora previsti nel Contratto di Programma 2017-2021 – parte Investimenti.
Il CIPE nella seduta del 28 novembre 2018 è informato sul CdP RFI 2017-2021. In particolare l’informativa concerne il prosieguo dell’iter del Contratto di programma alla luce delle indicazioni delle competenti commissioni parlamentari. Il MIT e RFI introdurranno nelle tabelle del Contratto l’indicazione relativa allo status delle singole opere a valle dei pareri delle Commissioni Parlamentari.
Con decreto interministeriale n. 87 del 7 marzo 2019 è approvato il CdP RFI 2017-2021 parte investimenti, tra MIT e RFI SpA sottoscritto digitalmente da RFI SpA in data 20 dicembre 2018 e dal MIT in data 28 gennaio 2019. Tale decreto è registrato alla Corte dei conti in data 9 maggio 2019.
L’articolo  4, comma 1, del DL 32/2019, convertito con modificazioni dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55, prevede l’individuazione, mediante decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, degli interventi infrastrutturali caratterizzati da un elevato grado di complessità progettuale, da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa, da complessità delle procedure tecnico-amministrative ovvero che comportano un rilevante impatto sul tessuto socio-economico a livello nazionale, regionale o locale e la contestuale nomina di Commissari straordinari per la realizzazione degli interventi medesimi.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2019, “capitolo III. Appendice: lo stato di attuazione degli interventi programmati, paragrafo III. 2 Ferrovie, figura 0.3 Interventi prioritari – modalità: ferrovie”, è inserito l’intervento “Direttrice Adriatico-Ionica” con un costo di 1.349 milioni di euro interamente finanziato.
Il CIPE, con delibera n. 37 del 24 luglio 2019, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento del CdP RFI 2017-2021 parte investimenti per gli anni 2018 e 2019. L’aggiornamento prevede la contrattualizzazione di circa 15,4 miliardi di euro (al netto di 503 milioni di definanziamenti), di cui di 7,3 miliardi di euro di investimenti da fondi di legge di bilancio 2019 e 5,9 miliardi da legge di bilancio 2018, oltre a 2,2 miliardi di FSC 2014-2020. Al 31 ottobre 2019 l’iter per l’approvazione del CdP RFI 2017-2021 parte investimenti per gli anni 2018 e 2019 non risulta concluso. Riguardo ai contenuti, nella versione del documento inviato informalmente dal MIT nel mese di settembre 2019, l’intervento “Completamento raddoppio Pescara-Bari (tratta Termoli-Lesina)” è riportato nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici - Classe b - Interventi in esecuzione – Programmi prioritari ferrovie – direttrici di interesse nazionale - Classe DPP “Intervento invariante” con un costo di 700,00 milioni di euro con risorse interamente disponibili.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2019, riguardo al 1° lotto Ripalta-Lesina, risulta pubblicato, in data 23 ottobre 2018, il bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dell’appalto integrato per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori. Per i lotti 2 e 3 è disponibile la progettazione definitiva mentre per la variante di Termoli-Campomarino-Ripalta risulta rivisitata la progettazione preliminare.


Dicembre 2020

L’Autorità di regolazione dei trasporti, nella seduta del 26 marzo 2020, esprime parere, con considerazioni e osservazioni, sullo schema di Aggiornamento 2018-2019 del Contratto di Programma - parte investimenti 2017-2021 tra il MIT e RFI SpA ai sensi dell’articolo 15, comma 2, del d.lgs. 112/2015.
Le competenti Commissioni di Camera e Senato, rispettivamente nelle sedute del 7 e 6 maggio 2020, approvano pareri favorevoli, con osservazioni, sull’aggiornamento 2018-2019 dello schema di contratto di programma 2017-2021 - Parte investimenti tra il MIT e RFI SpA (Atto del Governo n. 160). Il Contratto di Programma è divenuto operativo in data 26 ottobre 2020 con la registrazione alla Corte dei Conti del decreto interministeriale MIT/MEF n. 365 del 18 agosto 2020.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2020 - denominato “#italiaveloce - L’Italia resiliente progetta il futuro: nuove strategie per trasporti, logistica e infrastrutture” - Capitolo V. Il sistema integrato dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture: interventi e programmi prioritari per lo sviluppo del Paese, paragrafo V.2 Le ferrovie, tabella V.2.4 - Interventi prioritari - modalità ferrovie (direttrici)”, è inserito l’intervento “8 Adriatico-Jonica - Adeguamento e velocizzazione Bologna-Lecce; raddoppio Termoli-Lesina”, con un costo di 1.349,44 milioni di euro con risorse interamente disponibili.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2020, si rileva il seguente stato di avanzamento per lotti:
-        1° lotto Ripalta-Lesina: le attività negoziali sono state caratterizzate da un primo ricorso, intentato nel 2019, in fase di presentazione delle offerte, conclusosi al termine di entrambi i gradi di giudizio e a seguito del quale si è potuto procedere all'aggiudicazione definitiva non efficace a gennaio 2020. Nel mese di febbraio 2020 è stato presentato un nuovo ricorso avverso la suddetta aggiudicazione che si è concluso con la sentenza del Consiglio di Stato in data 11/12/2020. La stipula del contratto è prevista per il mese di febbraio 2021; 
-        2° e 3° lotto: progetto definitivo in fase di approvazione.


Maggio 2022

Il Regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021 istituisce il dispositivo per la ripresa e la resilienza.
Le competenti Commissioni di Camera e Senato, nelle sedute dell’11 marzo 2021, approvano pareri favorevoli, con condizioni e osservazioni, sullo schema di DPCM recante l'individuazione degli interventi infrastrutturali ai sensi dell’articolo 4 del DL 32/2019 come modificato dall’articolo 9 del DL 76/2020 (Atto del Governo n. 241). L’intervento “Completamento raddoppio Pescara-Bari” è inserito nell’elenco 1 delle opere ex art. 4, DL 32/2019, tra le “Infrastrutture ferroviarie”, con un costo stimato di 700 milioni. Il Commissario straordinario individuato e indicato nell’elenco 2 è Roberto Pagone, Responsabile Area Sud direzione investimenti RFI.
Con DPCM del 16 aprile 2021 l’Ing. Roberto Pagone, dirigente di RFI SpA, è nominato, ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 18 aprile, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, Commissario straordinario dell’intervento “Completamento raddoppio Pescara-Bari”.
Il CIPESS, con delibera n. 3 del 29 aprile 2021, approva il Piano Sviluppo e Coesione a titolarità del MIMS, che eredita dal precedente Piano Operativo Infrastrutture FSC 2014-2020 la dotazione finanziaria, pari a 16.920,42 milioni di euro, e il modello di governance. Il Piano è articolato in quattro aree tematiche e dieci settori d’intervento. Nell’aggiornamento del Piano di aprile 2022, l’intervento “Variante proposta dalla Regione Molise per l'ottimizzazione urbanistica e territoriale del tracciato tra km 1+940 (lotto 2 Termoli -Campomarino) e 8+298 (lotto 3 Campomarino -Ripalta)” è inserito tra gli interventi dell’area tematica 7 “Trasporto e mobilità”, settore di intervento 7.02 “Trasporto ferroviario”, con un ammontare di risorse finanziarie FSC di 150 milioni di euro.
Il PNRR dell'Italia, trasmesso il 30 aprile 2021 dal Governo alla Commissione europea, è approvato definitivamente con Decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021. Il Piano si inserisce all’interno del programma Next Generation EU (NGEU), il pacchetto da 750 miliardi di euro concordato dall’Unione Europea in risposta alla crisi pandemica. Il Piano italiano prevede investimenti pari a 191,5 miliardi di euro. Ulteriori 30,6 miliardi sono parte di un Fondo complementare, finanziato attraverso lo scostamento pluriennale di bilancio approvato nel Consiglio dei ministri del 15 aprile 2021. Il totale degli investimenti previsti è pertanto di 222,1 miliardi di euro.
Il DL 59/2021, convertito dalla legge n. 101 del 2021, istituisce il Fondo complementare al PNRR,  finalizzato ad integrare, con risorse nazionali, gli interventi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), con una dotazione complessiva di 30,6 miliardi di euro per gli anni dal 2021 al 2026, ripartendolo tra i Ministeri competenti.
Con DL 77/2021  “Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” è definito “il quadro normativo nazionale finalizzato a semplificare e agevolare la realizzazione dei traguardi e degli obiettivi stabiliti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, di cui al regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021, dal Piano nazionale per gli investimenti complementari di cui al decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, nonché dal Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima 2030 di cui al Regolamento (UE) 2018/1999 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2018.” 
Il Commissario straordinario, con Ordinanza n. 1  del 21 giugno 2021, adotta disposizioni organizzative aventi a riferimento il “Completamento del raddoppio Pescara-Bari”. Lo stesso giorno, con Ordinanza n. 2, approva il programma generale delle attività.
Il Commissario straordinario, con Ordinanza n. 3  del 24 giugno 2021, approva il progetto definitivo della tratta Termoli-lesina – Lotto2-3 “Termoli-Ripalta” (tratto da progr. Km 1,87 a progr. Km 10,38).
Con DM MEF del 15 luglio 2021, adottato ai sensi del comma 7 dell’articolo 1 del DL 59/2021, sono individuati per ciascun intervento o programma gli obiettivi iniziali, intermedi e finali determinati in relazione al cronoprogramma finanziario e coerenti con gli impegni assunti nel PNRR con la Commissione europea sull'incremento della capacità di spesa collegata all'attuazione degli interventi del Piano nazionale per gli investimenti complementari.
L’articolo 73-ter “Disposizioni urgenti per il settore ferroviario” della legge 23 luglio 2021, n. 106, di conversione, con modificazioni, del DL 73/2021, recante «Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali», dispone, tra l’altro, “1. Al fine di permettere l'avvio immediato degli  interventi  sulla rete ferroviaria nazionale, l'aggiornamento,  per  gli  anni  2020  e 2021, del contratto di programma 2017-2021 - parte  investimenti  tra il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e la società Rete ferroviaria italiana  si  considera  approvato  con  il parere favorevole espresso  dal  Comitato  interministeriale  per  la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile e gli stanziamenti ivi  previsti  si  considerano  immediatamente  disponibili  per   la società Rete ferroviaria italiana ai fini dell'assunzione di impegni giuridicamente vincolanti”.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2021 - denominato “Dieci anni per trasformare l’Italia – Strategie per infrastrutture, mobilità e logistica sostenibili e resilienti – Per il benessere delle persone e la competitività delle imprese, nel rispetto dell’ambiente” - Appendice: dettaglio degli interventi e programmi prioritari per lo sviluppo del Paese, parte A.1 Le ferrovie, Tabella A.1.3 Interventi Prioritari Ferrovie (Direttrici) è inserito l’intervento: “8 Adriatico-Jonica - Adeguamento e velocizzazione Bologna-Lecce; raddoppio Termoli-Lesina”, con un costo dell’intervento di 1.349 milioni di euro interamente finanziato di cui 83 milioni di euro a valere sul fondo NGEU.
Il CIPESS, con delibera n. 45 del 27 luglio 2021, esprime parere favorevole sull’aggiornamento per gli anni 2020-2021 del contratto di programma 2017-2021 - parte investimenti tra il MIMS e Rete ferroviaria italiana SpA.
Con DM MEF del 6 agosto 2021 sono assegnate le risorse del PNRR in favore di ciascuna Amministrazione titolare degli interventi e definiti i traguardi e gli obiettivi che concorrono alla presentazione delle richieste di rimborso semestrale alla Commissione europea.
In data 14 ottobre 2021 RFI SpA emette le Linee Guida “L’iter procedurale dei Progetti in gestione commissariale” che definiscono ruoli, responsabilità e modalità attuative, al fine di assicurare in ambito RFI il corretto svolgimento dell’iter procedurale dei Progetti affidati alla gestione dei Commissari straordinari di cui all’art. 4 della L. n. 55/2019 e s.m.i., nonché quello per i progetti inseriti nell’Allegato IV del DL 77/2021, convertito con modificazioni dalla L. 108/2021.
Il  DL 152/2021 “Disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di  ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, reca disposizioni per la semplificazione delle procedure riguardanti gli investimenti ferroviari (articolo 5) e per l’approvazione dei progetti ferroviari (articolo 6).
In data 25 novembre 2021 è sottoscritto l’Aggiornamento 2020-2021 del Contratto di Programma 2017–2021, parte investimenti, tra MIMS e RFI SpA. Il CdP recepisce l’evoluzione della programmazione e dei finanziamenti (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, Fondo Complementare, Allegato Infrastrutture al DEF) e in maniera sinergica e complementare finalizza le risorse delle Leggi di Bilancio 2020 e 2021, contrattualizzando  in un unico atto tutti gli investimenti da avviare e quelli per dare continuità alle opere in corso, già approvate nell’Aggiornamento 2018-2019 del Contratto di Programma, al fine di garantirne l’immediata attuazione. Nella tabella “A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici, Classe b - Interventi in esecuzione”  è riportato l’intervento: “Completamento raddoppio Pescara-Bari (tratta Termoli-Lesina)”, Classe DPP “intervento invariante”, con un costo di 700,00 milioni di euro interamente finanziato e facente parte delle opere del “paniere PNRR”.
Nel documento Italiadomani PNRR “Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Attuazione delle misure del PNRR”, relativo al contributo del MIMS alla relazione al Parlamento sullo stato di attuazione del PNRR, con dati aggiornati al 17 dicembre 2021, al punto 4 “Progetti in essere”, Tabella 25 – Dettaglio interventi in ambito ferroviario, PNRR - M3C1 Infrastruttura Ferroviaria Nazionale - Misura 1.5 Potenziamento principali nodi metropolitani e direttrici è inserito l’intervento “Raddoppio Adriatica: Ripalta-Lesina” con un totale risorse PNRR di 22,47 milioni di euro.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2022 - denominato “Dieci anni per trasformare l’Italia – Strategie per infrastrutture, mobilità e logistica sostenibili e resilienti – Per il benessere delle persone e la competitività delle imprese, nel rispetto dell’ambiente” – capitolo III. Gli interventi e i programmi prioritari per lo sviluppo del paese, punto 2 Le ferrovie, Tabella III.2.3. Interventi Prioritari - Modalità: Ferrovia (Direttrici) è inserito l’intervento “6 Adriatico-Jonica - Raddoppio Termoli-Lesina, raddoppio Pescara-Bari: 1° Fase”, con un costo dell’intervento di 1.019 milioni di euro, un ammontare di risorse disponibili di 1.014 milioni di euro e un fabbisogno residuo di 5 milioni di euro.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2022, risulta il seguente avanzamento per lotti:
-        1° lotto Ripalta-Lesina, il 25 marzo 2021 è stipulato il contratto e il 30 marzo 2021 è avviata la Progettazione Esecutiva che si è conclusa il 21 dicembre 2021. A gennaio 2022 hanno avuto inizio le attività propedeutiche all’avvio dei lavori;
-        2° e 3° lotto, bando di gara per l’affidamento dei lavori mediante appalto integrato pubblicato in data  3 dicembre 2021. A seguito di intervenuta interdittiva antimafia in carico ad una delle imprese appartenenti al RTI risultato aggiudicatario è disposta l'esclusione dello stesso. Pertanto, la procedura in oggetto è risultata senza effetto per assenza di altre offerte valide. Si è ora in attesa dell'esito del ricorso al TAR presentato dall'operatore economico escluso per le successive determinazioni.


COSTO PRESUNTO (milioni di euro)
Previsione al 30 aprile 2010
212,000
- Fonte:
Costo ad aprile 2011
212,330
- Fonte: DEF 2011
Previsione al 30 aprile 2011
212,330
- Fonte: DEF 2011
Costo al 30 giugno 2011
212,330
- Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Previsione al 31 dicembre 2011
212,330
- Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Costo al 01 giugno 2012
212,330
- Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Previsione al 30 giugno 2012
443,000
- Fonte: RFI Spa
Previsione al 30 settembre 2012
443,000
- Fonte: RFI Spa
Costo al 01 dicembre 2012
212,330
- Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Previsione al 30 giugno 2013
443,000
- Fonte: RFI Spa
Costo al 01 settembre 2013
549,000
- Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Previsione al 31 ottobre 2013
549,000
- Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Costo al 01 aprile 2014
549,000
- Fonte: DEF 2014
Previsione al 30 giugno 2014
549,000
- Fonte: DEF 2014
Costo agosto 2014
549,000
- Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Costo al 01 settembre 2014
549,000
- Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione al 31 dicembre 2014
549,000
- Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione al 31 marzo 2016
549,000
- Fonte: Delibera CIPE 2/2015
Previsione al 31 dicembre 2016
549,000
- Fonte: Delibera CIPE 2/2015
Previsione 31 maggio 2017
699,000
- Fonte: Delibera CIPE 54/2016
Costo al 26 aprile 2018
700,000
- Fonte: DEF 2018
Previsione al 31 maggio 2018
700,000
- Fonte: Delibera CIPE 54/2016
Costo al 30 aprile 2019
700,000
- Fonte: DEF 2019
Previsione al 31 ottobre 2019
700,000
- Fonte: Delibera CIPE 54/2016
Previsione al 31 dicembre 2020
700,000
- Fonte: Delibera CIPE 54/2016
Costo al 20 maggio 2022
700,000
- Fonte: Allegato Infrastrutture al DEF 2022
Previsione al 31 maggio 2022
700,000
- Fonte: Delibera CIPE 54/2016
QUADRO FINANZIARIO (milioni di euro)
Risorse disponibili al 31 maggio 2022
700,000

Fondi UE
8,000
Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021
Legge di Stabilità 2016
443,000
Fonte: CdP RFI 2012-2016 - Aggiornamento 2016
FSC 2014-2020 - PO Infrastrutture
150,000
Fonte: Delibera CIPE 54/2016
Fondi pubblici
76,530
Fonte: CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021
Fondi PNRR - M3C1
22,470
Fonte: MIMS - Attuazione delle misure del PNRR

Fabbisogno residuo al 31 maggio 2022
0,000

Raddoppio Pescara-Bari: tratta Termoli-Campomarino - 2° lotto
STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto
Progettazione definitiva
Conferenza servizi
Conclusa
Note
Lo sviluppo della Progettazione Preliminare fu affidato ad Italferr S.p.A., Società appartenente al Gruppo F.S.I., con Lettera di Incarico. Il costo sopra riportato per la Progettazione Preliminare è riferito all'intera Progettazione Preliminare, unica per tutti i 3 lotti previsti per l'intervento di Raddoppio della tratta Termoli-Lesina. In data 22/09/2015 RFI, in ottemperanza alla prescrizione n. 50 della Delibera CIPE n.2/2015 di approvazione del Progetto Preliminare, ha trasmesso al MIT uno studio di valutazione degli impatti economici sul progetto derivanti dalla soluzione proposta dalla Regione Molise per l’ottimizzazione urbanistica e territoriale del tracciato confermando l’incremento di costo di circa 150 Mln. Successivamente, con l’aggiornamento 2016 del CdP-I 2012-2016 ha reso operativo il completamento del finanziamento dei Lotti 2 e 3 comprendendo i nuovi finanziamenti FSC 2014-2020 – Cabina di Regia, per un importo integrativo di 150 mln € , necessari per la realizzazione “soluzione Regione Molise”. RFI ha quindi sviluppato la progettazione preliminare per il tratto variato e completata la progettazione definitiva dell'intero intervento "Raddoppio Termoli - Ripalta". Il Progetto Definitivo è stato inviato al MIT in data 18/07/2019. Con nota 4790 del 15/06/2021 il MIMS ha trasmesso al Commissario di Governo, nominato ai sensi dell’art. 2 del D.P.C.M del 16 aprile 2021, la relazione istruttoria, con la proposta conclusiva di approvazione del progetto definitivo del raddoppio Termoli – Ripalta. Con ordinanza del Commissario n.3/2021 del 24/06/2021 è stato approvato il Progetto Definitivo del lotto 2 Raddoppio Termoli – Ripalta.
Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
Progettazione preliminare Interno 1.341.746,51 99.222.499,00 01/03/2012 08/02/2013
Progettazione definitiva Interno 6.842.317,43 502.874.538,61 07/04/2017 31/05/2019

AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore
RFI SpA
Modalità di selezione
Procedura
Sistema di realizzazione
Appalto integrato
Criterio di aggiudicazione
Offerta economicamente più vantaggiosa
Fase progettuale a base di gara
Definitivo
Tempi di esecuzione
Progettazione
150 giorni
Lavori
1680 giorni
Data bando
03/12/2021
CIG/CUI
89986744B3
Data aggiudicazione
Tipo aggiudicatario
Nome
Codice fiscale
Data stipula contratto
Quadro economico
Importo a base di gara(1)
414.875.069,01
Importo oneri per la sicurezza
22.473.091,21
Importo complessivo a base di gara
437.348.160,22
Importo di aggiudicazione(2)
Somme a disposizione
Importo totale
414.875.069,01
% Ribasso di aggiudicazione
% Rialzo di aggiudicazione
Note
Il bando di gara per le prestazioni di progettazione esecutiva e realizzazione è stato inviato al GUUE il 29.11.21 per la pubblicazione, intervenuta in data 03.12.2021. A seguito di intervenuta interdittiva antimafia in carico ad una delle imprese appartenenti al RTI risultato aggiudicatario, ed ai successivi chiarimenti pervenuti, la Direzione Acquisti di RFI ha disposto l'esclusione dello stesso. Pertanto, la procedura in oggetto è risultata senza effetto per assenza di altre offerte valide. Al momento si è in attesa dell'esito del ricorso al TAR presentato dall'operatore economico escluso per le successive determinazioni.

1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture
Raddoppio Pescara-Bari: tratta Campomarino-Ripalta - 3° lotto
STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto
Progettazione preliminare
Conferenza servizi
Conclusa
Note
Lo sviluppo della Progettazione Preliminare fu affidato ad Italferr S.p.A., Società appartenente al Gruppo F.S.I., con Lettera di Incarico. Il costo sopra riportato per la Progettazione Preliminare è riferito all'intera Progettazione Preliminare, unica per tutti i 3 lotti previsti per l'intervento di Raddoppio della tratta Termoli-Lesina. Nel mese di novembre 2016 è stata avviata la Progettazione Definitiva, unica per i lotti 2 e 3 "Termoli - Ripalta". Le informazioni relative alla Progettazione Definitiva sono inserite nella scheda del lotto 2.
Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
Progettazione preliminare Interno 1.341.746,51 231.392.946,00 01/03/2012 28/02/2013
Raddoppio Pescara-Bari: tratta Ripalta-Lesina - 1° lotto
STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto
Progettazione definitiva
Conferenza servizi
Conclusa
Note
Lo sviluppo della Progettazione Preliminare fu affidato ad Italferr S.p.A., Società appartenente al Gruppo F.S.I., con Lettera di Incarico. Il costo sopra riportato per la Progettazione Preliminare è riferito all'intera Progettazione Preliminare, unica per tutti i 3 lotti previsti per l'intervento di Raddoppio della tratta Termoli-Lesina. Relativamente al Lotto 1, in data 16/07/2015 è stata avviata la Progettazione Definitiva. Il Progetto Definitivo è stato inoltrato al MIT per l'iter di approvazione da parte del CIPE. In data 22/12/2017 è stata emessa la Delibera di approvazione da parte del CIPE, n.89 del 22/12/2017, pubblicata su G.U. in data 23/05/2018.
Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
Progettazione preliminare Interno 1.341.746,51 78.524.469,00 01/03/2012 08/02/2013
Progettazione definitiva Interno 2.287.342,62 73.690.438,64 16/07/2015 04/08/2016

AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore
RFI SpA
Modalità di selezione
Affidamento con bando
Procedura
Procedura aperta
Sistema di realizzazione
Appalto integrato
Criterio di aggiudicazione
Offerta economicamente più vantaggiosa
Fase progettuale a base di gara
Definitivo
Tempi di esecuzione
Progettazione
150 giorni
Lavori
909 giorni
Data bando
23/10/2018
CIG/CUI
7653306BE5
Data aggiudicazione
24/01/2020
Tipo aggiudicatario
ATI
Nome
RTI Consorzio CONPAT S.C.A.R.L. (mandataria) (con consorziata esecutrice Manelli Impresa Srl) - D’Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali Srl (mandante) - S.I.F.EL. S.p.A. (mandante) (con Società STRUKTONRAIL NV, Ausiliaria da Sistema di Qualificazione RFI SQ_005 – LIS-C)
Codice fiscale
06044391214
Data stipula contratto
25/03/2021
Quadro economico
Importo a base di gara(1)
68.313.806,38
Importo oneri per la sicurezza
1.922.641,57
Importo complessivo a base di gara
70.236.447,95
Importo di aggiudicazione(2)
57.261.315,65
Somme a disposizione
Importo totale
57.261.315,65
% Ribasso di aggiudicazione
16,18
% Rialzo di aggiudicazione
Note
La stipula è avvenuta in data 25 /03/2021 e in data 30/03/2021 sono state consegnate le prestazioni con contestuale avvio della Progettazione Esecutiva. L’appaltatore in data 21/12/2021 ha completato la consegna del PE, in ritardo rispetto alle previsioni contrattuali di circa 4 mesi ed è in corso la verifica del PE. Al riguardo è stato sottoscritto con l’appaltatore un A.I.M., in data 23/12/2021, per l’avvio anticipato delle attività propedeutiche (BOE e cantierizzazione) con l’impegno di riduzione dei tempi di realizzazione previsti contrattualmente di almeno 80 gg al fine di recuperare il ritardo maturato nella consegna della PE e mantenere inalterata l’ultimazione dei lavori prevista nel cronoprogramma commissariale. Tali attività propedeutiche sono state attivate in data 07/01/2022 e risultano attualmente in corso di esecuzione.

1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
Intesa Generale Quadro sottoscritta tra Governo e Regione Molise del 3 giugno 2004
Contratto Istituzionale di Sviluppo per la realizzazione della “direttrice ferroviaria Napoli-Bari-Lecce-Taranto del 2 agosto 2012
Intesa Generale Quadro sottoscritta tra Governo e Regione Puglia del 10 ottobre 2013
CdP RFI 2012-2016 dell'8 agosto 2014
Legge n. 164 dell'11 novembre 2014
Delibera CIPE 2/2015 del 28 gennaio 2015
Delibera CIPE 8/2015 del 28 gennaio 2015
Decreto interministeriale n. 158 del 18 maggio 2015
Legge n. 190 del 23 dicembre 2015
Delibera CIPE 112/2015 del 23 dicembre 2015
DPCM del 25 febbraio 2016
CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2015 del 29 aprile 2016
CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2016 del 17 giugno 2016
Patto per lo sviluppo della regione Molise “Attuazione degli interventi prioritari e individuazione delle aree di intervento strategiche per il territorio” tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Molise del 26 luglio 2016
Delibera CIPE 25/2016 del 10 agosto 2016
Delibera CIPE 26/2016 del 10 agosto 2016
Legge n. 225 del 1° dicembre 2016
Delibera CIPE 54/2016 del 1° dicembre 2016
CdP RFI 2017-2021 del 1° agosto 2017
Delibera CIPE 66/2017 del 7 agosto 2017
Autorità di regolazione dei trasporti - Parere del 30 novembre 2017
Delibera CIPE 89/2017 del 22 dicembre 2017
Decreto Interministeriale n. 87 del 7 marzo 2019
DL 32/2019 del 18 aprile 2019
CdP RFI 2017-2021, aggiornamento 2018/2019 del mese di luglio 2019
Delibera CIPE 37/2019 del 24 luglio 2019
Camera dei deputati - Atto del Governo n. 160 - Aggiornamento 2018-2019 dello schema di contratto di programma 2017-2021 - Parte investimenti tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana SpA del 5 febbraio 2020
Autorità di regolazione dei trasporti – Parere del 26 marzo 2020
Atto del Governo n. 241 - Schema di DPCM recante l'individuazione degli interventi infrastrutturali ai sensi dell’articolo 4 del DL 32/2019 come modificato dall’articolo 9 del DL 76/2020 del 20 gennaio 2021
Regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 febbraio 2021
DPCM del 16 aprile 2021
Delibera CIPESS 3/2021 del 29 aprile 2021
DL 59/2021 del 6 maggio 2021
DL 77/2021 del 31 maggio 2021
Commissario straordinario - Ordinanza n. 1 del 21 giugno 2021
Commissario straordinario - Ordinanza n. 2 del 21 giugno 2021
Commissario straordinario - Ordinanza n. 3 del 24 giugno 2021
Decisione del Consiglio ECOFIN del 13 luglio 2021
DM MEF del 15 luglio 2021
Legge n. 106 del 23 luglio 2021
Delibera CIPESS 45/2021 del 27 luglio 2021
DM MEF del 6 agosto 2021
DL 152/2021 del 6 novembre 2021
CdP RFI 2017-2021 - Aggiornamento 2020-2021 del 25 novembre 2021
Italiadomani PNRR - Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili - Attuazione delle misure del PNRR del 17 dicembre 2021