SILOS Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

Strade e autostrade

STRADE E AUTOSTRADE / Corridoio plurimodale Adriatico Itinerario Maglie-Santa Maria di Leuca SS 275 di Santa Maria di Leuca - Lavori di ammodernamento ed adeguamento alla sez. B del D.M. 05/11/2001. S.S. 16 dal Km 981+700 al km 985+386- S.S. 275 dal km 0+000 al km 37+000 (BA283)

SCHEDA N. 61

| | |
Costo
  • Dati monitoraggio
  • Dati delibere CIPESS o Allegati infrastrutture ai DEF
Quadro finanziario

Quadro finanziario al 31/05/2022

Localizzazione
Cup
  • F32C04000070002
SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Strade e autostrade

Soggetto titolare

ANAS SpA

Descrizione

Il progetto prevede l’adeguamento dell’Itinerario Maglie-S. Maria di Leuca, composto dalla SS 16 (dal Km 981+700 al Km 985+386) e dalla SS 275 (dal Km 0+000 al Km 37+000), alla categoria B del D.M. 5.11.2001 (strada extraurbana principale con due corsie per senso di marcia e con spartitraffico centrale). Lo sviluppo complessivo è di circa 40 km. Si prevede l’adeguamento in sede delle attuali SS 16 e SS 275 per il tratto da Maglie a Montesano Talentino e la prosecuzione in nuova sede per il tratto successivo fino a Maglie S. Maria di Leuca.

Delibere CIPESS e/o ordinanze attuative

92/2004
76/2009
6/2012

Dati storici

2001
Il progetto è compreso nella delibera n. 121 tra i “Sistemi stradali e autostradali” del “Corridoio Plurimodale Adriatico”, con la dizione “Maglie-Santa Maria di Leuca.
2003
Il progetto preliminare, corredato dal SIA, viene trasmesso, in data 7 maggio, dal soggetto aggiudicatore al MIT, alle altre Amministrazioni ed enti competenti, nonché agli enti gestori delle interferenze.
L’opera è inclusa nell’Intesa Generale Quadro tra il MIT e la Regione Puglia sottoscritta il 10 ottobre.
Il Ministero dell’ambiente esprime parere favorevole, con prescrizioni, con nota del 18 novembre.
Il Ministero per i beni culturali, con nota del 18 novembre, esprime parere favorevole con prescrizioni.
In data 21 novembre viene sottoscritta una convenzione tra la Regione Puglia e l’ANAS, in cui si precisa che l’opera sarà realizzata interamente con il contributo finanziario della Regione.
2004
Con nota del 20 aprile la Regione Puglia esprime parere favorevole con prescrizioni, sotto il profilo della compatibilità ambientale e, sentiti i Comuni interessati, anche ai fini della localizzazione dell’opera.
Il MIT, con nota del 2 agosto, trasmette al CIPE la relazione istruttoria sul progetto preliminare dell’intervento, proponendone l’approvazione, con prescrizioni e raccomandazioni, ai soli fini procedurali.
Il CIPE, con delibera n. 92, prende atto delle risultanze dell’istruttoria e approva il progetto preliminare. Il costo complessivo dell’intervento ammonta a 165,5 Meuro, di cui 113,5 per lavori a base d’appalto e 52 per somme a disposizione, tra cui 6,1 Meuro per “interferenze”. Il soggetto aggiudicatore è individuato in ANAS che, in base alla convenzione con la Regione Puglia del novembre 2003, realizzerà l’opera interamente con il contributo finanziario della Regione, senza risorse pubbliche statali aggiuntive. Le prescrizioni sono suddivise tra prescrizioni da attuare in sede di progettazione definitiva, prescrizioni da attuare nella fase di cantiere e “altre”.
2005
L’Anas, in data 30 giugno, informa che, in relazione ai lavori di ammodernamento ed adeguamento della SS 275, ha approvato il progetto definitivo, il cui sviluppo complessivo è di 39,736 km ed è suddiviso in 3 tronchi. I lavori relativi al Tronco 1 – Tangenziale est di Maglie interamente in sede, prevedono una complanare in entrambe le direzioni, il potenziamento di tutti gli svincoli, alcuni dei quali attualmente non conformi alle norme in vigore, e la realizzazione di rotatorie per la connessione con la viabilità esistente. Il progetto di adeguamento del Tronco 2 – Scorrano-Montesano, interamente in sede, prevede la realizzazione di strade di servizio per l’eliminazione degli accessi diretti. Gli interventi del Tronco 3 – Montesano-S. Maria di Leuca, interamente su nuova sede, in variante ai centri abitati, prevedono due brevi trincee, comprensive di una galleria artificiale a struttura scatolare per risolvere le interferenze con la strada Tricase Lucugnano ed un elettrodotto. L’importo complessivo dell’opera ammonta a 201,4 Meuro e il tempo per l’esecuzione dell’opera è stimato in 1.000 giorni.
ANAS, con nota 1° dicembre, trasmette il progetto definitivo dell’intervento al MIT e alle altre Amministrazioni interessate ed agli Enti gestori delle interferenze.
Il 5 dicembre viene pubblicato l’avviso dell’avvio del procedimento di dichiarazione di pubblica utilità.
2006
In data 15 marzo il MIT convoca la CdS. In tale sede alcune Amministrazioni esprimono riserve in ordine all’impatto paesaggistico e alla copertura finanziaria dell’opera.
La Conferenza si conclude il 18 marzo.Il Ministero per i beni culturali esprime parere favorevole, con prescrizioni.
L’opera è inclusa nella delibera CIPE n. 130 di rivisitazione del PIS.
Il Ministero dell’ambiente rileva che la Commissione Speciale VIA ha concluso la prima fase di verifica, che evidenzia la mancata predisposizione del progetto di monitoraggio ambientale secondo le linee guida redatte dalla Commissione stessa. Il Ministero della difesa esprime parere favorevole.
2007
La Regione Puglia approva un secondo atto aggiuntivo alla convenzione Regione/ANAS con il quale si autorizza il Responsabile dell’attuazione dell’Accordo di Programma Quadro “Trasporti e Viabilità” a richiedere al competente Ministero dell’economia la verifica dell’accordo sottoscritto il 31 marzo 2003, che determini la riduzione del finanziamento da 152,4 Meuro a 111,5 Meuro, già previsto per la S.S. 275 “Maglie- S. Maria di Leuca” e la conseguente utilizzazione dell’economia pari a 40,8 Meuro per il coofinanziamento della S.S. 16 “ Maglie-Otranto” per le quali si provvederà con procedure e discipline CIPE. Con la stessa deliberazione viene disciplinato l’affidamento all’ANAS delle attività di appalto e di esecuzione dei lavori “. La Regione, viste le limitate disponibilità finanziarie, si esprime a favore di una soluzione progettuale che preveda, per il tratto Montesano Talentino-S. Maria di Leuca, la sola messa in sicurezza e sistemazione della preesistente sede stradale a due corsie.La stessa Regione , considerate le posizioni di alcuni Comuni, si esprime a favore dell’ammodernamento a 4 corsie di un primo stralcio funzionale, nel tratto tra Maglie e Montesano Salentino e, in variante del tracciato esistente, nel tratto da quest’ultimo abitato sino all’intersezione con la SP 210, ipotizzando così l’adeguamento e la messa in sicurezza limitatamente al tratto della SS 275 che, partendo dall’intersezione con la SP 210, si collega a S. Maria di Leuca.
Il CIPE, con delibera n. 65, approva il Piano degli investimenti 2007-2011 allegato al contratto di programma 2007 tra il MIT ed ANAS, nel quale l’opera figura inserita con una disponibilità di 152,4 Meuro e in particolare il 1° e il 2° lotto risultano riportati, rispettivamente, nell’allegato A, elenco 3 (“opere di nuova realizzazione legge obiettivo”) ed elenco 1, concernente le opere di nuova realizzazione con fondi ordinari e appaltabilità 2009.
2008
Il Ministero dell’ambiente trasmette il parere positivo, con prescrizioni, formulato dalla Commissione VIA.
2009
L’opera è inclusa nella delibera CIPE n. 10 di ricognizione sullo stato di attuazione del PIS.
L’ANAS trasmette al MIT la relazione sull’intervento, in cui si richiama il finanziamento per 152,4 Meuro imputato sulle risorse che il CIPE ha assegnato alla Regione Puglia in attuazione della legge n. 208/1998, a valere sui fondi PON Trasporti che hanno formato oggetto dell’Accordo di programma quadro sottoscritto il 31 marzo 2003.
Il CIPE, con delibera n. 76, approva il progetto definitivo dell’intervento, con l’ampliamento a 4 corsie per tutta l’estesa, come già previsto dal progetto preliminare. Il costo è di 287,7 Meuro. Il CIPE assegna ad ANAS un finanziamento di 135,3 Meuro a carico della quota del Fondo infrastrutture destinata al Mezzogiorno erogato secondo modalità temporali compatibili con i vincoli di finanza pubblica correlati all’utilizzo delle risorse FAS.
Il 6 novembre viene sottoscritto Atto Aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Puglia.
L’ANAS, in data 22 dicembre, invia il bando di gara “BA 23/09 - Progettazione esecutiva ed esecuzione ai sensi dell'art. 19 comma 1° lett. b) della L.11.02.94 n. 109 e s.m.i., in base al combinato disposto dell'art. 253 comma 1-quinques ed art. 256 comma 1 del D.Lgs. 163/06 e s.m.i. Codice CUP F32C04000070002ario Maglie – S.Maria di Leuca. S.S. n. 275 "di S.Maria di Leuca". Ammodernamento ed adeguamento al tipo B del D.M. 5.11.2001 della SS 275 lungo l'itinerario Maglie – S. Maria di Leuca (SS 16 dal Km 981+700 al Km 985+386. SS 275 da Km 0+000 al Km 37+000)” alla GUCE.
2010
Nell’audizione del 3 febbraio del Presidente dell’ANAS, svoltasi presso l’VIII Commissione della Camera dei Deputati, sullo stato degli investimenti, l’opera è riportata tra le opere con gara in corso al 31 dicembre 2009, con un costo di 287,7 Meuro.
Contro il progetto approvato dal CIPE, che prevede l’ampliamento a 4 corsie, la Regione e associazioni ambientaliste presentano vari ricorsi al TAR Puglia (sentenze 14 aprile, 23 luglio, 10 novembre) e al Consiglio di Stato (11 maggio), richiedendo la “strada parco”, ossia 2 corsie da San Dana all’abitato di Leuca (7km finali), come prescritto nella delibera regionale del 2007.
Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 l’opera " S.S. 275 Strada Maglie / S.M. di Leuca – Lavori di adeguamento alla sezione B Decreto 05/11/2001" è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche – Aggiornamento 2010”; “3: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere non comprese nella tabella 2”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2010”.
Nella seduta del 4 novembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'accordo sull'Allegato Infrastrutture.
Aprile 2011

Il 3 marzo, ANAS, Regione Puglia e Provincia di Lecce firmano un protocollo d’intesa in cui si accoglie la richiesta della Regione di realizzare l’ultimo tratto, a partire da San Dana, a due corsie e di rendere l’opera compatibile con il paesaggio, secondo i criteri della strada-parco. L’accordo prevede il ridimensionamento della rotatoria sul promontorio di Santa Maria di Leuca e la sostituzione del viadotto di San Dana con una galleria a cielo aperto. Quest’ultima variante dovrà essere sottoposta alla VIA.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 l’opera " S.S. 275 Strada Maglie / S.M. di Leuca - Lavori di adeguamento alla sezione B Decreto 05/11/2001" è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche - Aggiornamento aprile 2011” ; “3: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere non comprese nella tabella 2”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2011 (marzo)”.
Il 10 maggio, la IV Sez. del Consiglio di Stato respinge il ricorso presentato da associazioni locali e ambientaliste basato sulla presunta irregolarità dell’incarico di progettazione, appaltato direttamente dall’ANAS al Consorzio per lo Sviluppo Industriale e dei Servizi Reali alle Imprese (SISRI), che a sua volta lo ha subappaltato, senza gara, alla Pro.Sal - Progettazioni Salentine Srl, per un importo pari a circa 5 Meuro.


Dicembre 2011

L’opera è riportata nell’Intesa Generale Quadro Regione Puglia del 16 giugno.
Nell’aggiornamento di settembre dell'Allegato Infrastrutture al DEF 2011 l'opera" è riportata nelle stesse tabelle di aprile. E' inoltre inserita nella tabella "6 Programma delle Infrastrutture Strategiche Rendicontazione Fondi FAS Accelerazione e Infrastrutture"
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2011, risulta che la gara per l’affidamento dell’appalto integrato è stata riattivata per effetto dell'intesa raggiunta con verbale del 3.3.2011 tra ANAS - Provincia di Lecce e Regione Puglia. In data 26.9.2011 scade il termine per la presentazione delle offerte.


Marzo 2012

Il CIPE, con delibera n. 6 del 20 gennaio, ridefinisce il quadro finanziario complessivo del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo 2012-2015. L'opera è inserita nella tabella "1 - Quadro delle riduzioni di spesa sul Fondo Infrastrutture", con una riduzione di 135,3 Meuro pari all'intero importo assegnato con delibera CIPE 76/2009, e nella tabella “5 – Assegnazioni a ulteriori interventi prioritari in ragione della loro indifferibilità (art. 33, comma 3, legge n. 183/2011)”, con una assegnazione di importo pari alla riduzione.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2012, la gara non risulta ancora aggiudicata.


Settembre 2012

Il T.a.r. Puglia – Lecce, con sentenza n. 01091/2011 REG.RIC del 14/04/2012, dichiara inammissibile il ricorso dei proprietari dei terreni interessati dall'opera.
L'opera è riportata nell'Allegato Infrastrutture-Rapporto intermedio di aprile 2012: allegato 2, opere indifferibili; allegato 5, quadro riepilogativo degli interventi del PIS.
ANAS, in data 01/06/2012, pubblica sulla G.U.U.E. l'avviso di aggiudicazione dei lavori.
L'opera è riportata nel 10° Allegato Infrastrutture al DEF 2012 (aggiornamento di settembre 2012): Tabella 0, Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 1, Opere in realizzazione e/o completate del PIS.


Dicembre 2012

Nella seduta del 6 dicembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2012 – 10° Allegato infrastrutture.
Il CIPE, con delibera n. 136 del 21 dicembre, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture al DEF 2012.


Giugno 2013

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013: Tabella 1 - Le opere in realizzazione del Programma Infrastrutture Strategiche nel perimetro del deliberato CIPE il patrimonio infrastrutturale.


Ottobre 2013

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013), Tabelle: 0 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) Avanzamento complessivo; 1A - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS)  - Perimetro interventi deliberati dal CIPE (2002-2013 settembre) Opere in fase di realizzazione.
Il T.a.r. Puglia – Lecce, con sentenza n. 00740/2012 REG.RIC. del 17/10/2013, stabilisce che l’esecuzione dell’appalto integrato potrà essere proseguita dal raggruppamento di imprese già risultato aggiudicatario in via definitiva in data 19 aprile 2012.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2013, risulta sottoscritto, in data 07/08/2012, il contratto per la redazione della progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori. L’inizio dei lavori è programmato per ottobre 2013 e la loro ultimazione a marzo 2016.


Giugno 2014

L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014, Tabelle: III.1-5 Opere Comprehensive; Tabella A.1-1 Tabella 0 - Avanzamento Programma Infrastrutture Strategiche.
Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.


Dicembre 2014

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 3344 del 3 luglio 2014, ha riformato la sentenza del T.a.r. Puglia – Lecce, n. 00740/2012 REG.RIC. del 17/10/2013, concernente l’aggiudicazione dell’appalto integrato per la progettazione e realizzazione dell’“Itinerario Maglie-S. Maria di Leuca s.s.275", accogliendo il ricorso, proposto dal RTI classificatosi al quarto posto al termine della gara indetta dall’Anas, rispetto alla richiesta di risarcimento del danno ma non alla richiesta di annullamento del procedimento.
Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla nota di aggiornamento al DEF 2013.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014): Tabella delle revoche e delle riassegnazioni di legge Obiettivo; Tabella 0 – Stato dell’arte e degli avanzamenti del Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 0.1 Il consolidato: le opere in realizzazione.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2014, non risultano avviati i lavori.


Marzo 2016

Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2016, risulta in corso un contenzioso.


Dicembre 2016

Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2016, risulta che l'ANAS ha disposto la revoca della procedura di gara, in data 21 novembre 2016, ed è intenzionata a procedere alla project review dell'opera.


Maggio 2018

Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2018, risulta che ANAS, a seguito della risoluzione del contratto con l’impresa affidataria dell’appalto integrato per la realizzazione dei lavori, ha avviato la revisione del progetto definitivo già approvato dal CIPE con Delibera n. 76/2009.


Ottobre 2019

L’articolo  4, comma 1, del DL 32/2019, convertito con modificazioni dalla Legge 14 giugno 2019, n. 55, prevede l’individuazione, mediante decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, degli interventi infrastrutturali caratterizzati da un elevato grado di complessità progettuale, da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa, da complessità delle procedure tecnico-amministrative ovvero che comportano un rilevante impatto sul tessuto socio-economico a livello nazionale, regionale o locale e la contestuale nomina di Commissari straordinari per la realizzazione degli interventi medesimi.
Il CIPE, con delibera n. 36 del 24 luglio 2019, approva l’aggiornamento del CdP ANAS 2016-2020, il quale prevede 36 miliardi di investimenti complessivi (inclusi i 2,9 miliardi della legge 145/2018 e i 3,2 miliardi di produzione residua di interventi in fase di attivazione e in corso di esecuzione), di cui 31,2 miliardi finanziati e 4,7 miliardi da finanziare. L’aggiornamento prevede risorse aggiuntive da allocare per circa 12,5 miliardi di euro e include un piano per la manutenzione straordinaria di ponti, viadotti e gallerie per 2,7 miliardi di euro.
Al 31 ottobre 2019 l’iter per l’approvazione dell’aggiornamento del CdP ANAS 2016-2021 non risulta concluso. Riguardo ai contenuti, nella versione del documento inviato informalmente dal MIT nel mese di settembre 2019, nell’Allegato "A", Piano pluriennale degli investimenti 2016-2020, sezione A.1, contenente l’elenco degli interventi suddivisi tra quelli a valere sulle risorse annualmente corrisposte a titolo di corrispettivo ai sensi dell’art. 1, comma 870, della Legge di Stabilità 2016, e quelli finanziati con contributo in conto impianti, tabella “Aggiornamento Piano Pluriennale 2016-2020 – Interventi in corso Adeguamento e messa in sicurezza, Completamenti Itinerari e Nuove Opere” è riportato l’intervento: “Corridoio plurimodale Adriatico Itinerario Maglie-Santa Maria di Leuca SS 275 di Santa Maria di Leuca - Lavori di ammodernamento ed adeguamento alla sez. B del D.M. 05/11/2001. SS 16 dal Km 981+700 al km 985+386- S.S. 275 dal km 0+000 al km 37+000.”, identificato dal codice BA125, con un costo di 202.058.759 euro, un avanzamento lavori dello 0% e la nota “Sostituito da BA283 ed inserito nei Programmati del Piano”. L’intervento è altresì riportato nella sezione A.2, contenente l’elenco degli ulteriori interventi da attivare nel quinquennio 2016-2020, finanziati o da finanziare con fonti aggiuntive diverse da quelle del Contratto di Programma, identificato dal codice BA283, con un costo di 244.020.253 euro interamente finanziato.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2019, risulta che ANAS sta aggiornando il progetto definitivo recependo le prescrizioni ricevute dal CSLLPP. Si prevede la pubblicazione del bando di gara per l’esecuzione dei lavori nel 2020.


Dicembre 2020

L’aggiornamento del CdP ANAS 2016-2020 è divenuto operativo in data 18 ottobre 2020 con la registrazione alla Corte dei Conti del decreto interministeriale MIT/MEF n. 399 del 17 settembre 2020.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2020, l’intervento risulta programmato con appaltabilità prevista a gennaio 2022.


Maggio 2022

Le competenti Commissioni di Senato e Camera, nelle sedute del 13 e del 15 luglio 2021, approvano pareri favorevoli, con osservazioni, sullo schema di DPCM recante l'individuazione di ulteriori interventi infrastrutturali da realizzare ai sensi dell'articolo 4, comma 1, del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, e dei commissari straordinari individuati per ciascuna opera (Atto del Governo n. 262). Nell’elenco nuove opere commissariate ex art 4 DL 32/2019, tra le “Infrastrutture stradali, è inserito l’intervento “SS 275-Maglie-Santa Maria di Leuca corridoio plurimodale adriatico Itinerario Maglie-Santa Maria di Leuca SS 275 di Santa Maria di Leuca. I lotto dal km 0+000 di prog. al Km 23+300 di prog”, con un costo stimato di 244.020.252,00 euro interamente finanziato. Il Commissario straordinario individuato è Eutimio Mucilli, dirigente ANAS.
Il CIPESS, con delibera n. 44 del 27 luglio 2021, approva lo schema di aggiornamento 2020 del CdP 2016-2020 fra il MIMS e ANAS.
Con DPCM del 5 agosto 2021 l’Ing. Vincenzo Marzi, dirigente di ANAS SpA, è nominato, ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 18 aprile, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, Commissario straordinario dell’intervento “SS 275-Maglie-Santa Maria di Leuca corridoio plurimodale adriatico Itinerario Maglie-Santa Maria di Leuca SS 275 di Santa Maria di Leuca. I lotto dal km 0+000 di prog. al Km 23+300 di prog”.
Le competenti Commissioni di Senato e Camera, nelle sedute del 5 aprile 2022, approvano pareri favorevoli, con condizioni e osservazioni, sullo schema di DPCM recante l'individuazione di nuovi interventi infrastrutturali da realizzare ai sensi dell'articolo 4 del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, e dei commissari straordinari individuati per ciascuna opera (Atto del Governo n. 373). L’intervento “SS 275 Maglie-Santa Maria di Leuca. Corridoio plurimodale Il Lotto fino a Santa Maria di Leuca”(intervento complementare con opera già commissariata con DPCM 5 agosto 2021) è inserito nell’elenco opere commissariabili ex art 4 DL 32/2019 – Nuove opere – III fase, tra le “Infrastrutture stradali”, con un costo stimato di 167.000.000,00 euro di euro e con 39.536.369,99 euro di finanziamenti disponibili. Il Commissario straordinario individuato è Vincenzo Marzi dirigente ANAS. Il DPCM di nomina del Commissario straordinario risulta firmato in data 11 maggio 2022  e alla data di chiusura del presente monitoraggio, risulta essere ancora in corso di registrazione presso la Corte dei conti.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2022, risulta in corso la revisione della progettazione definitiva. 


COSTO PRESUNTO (milioni di euro)
Costo al 21 dicembre 2001
113,621
- Fonte: Delibera CIPE 121/2001
Previsione al 30 aprile 2004
165,527
- Fonte: ANAS Spa
Previsione al 30 aprile 2005
165,527
- Fonte: Delibera CIPE 92/2004
Costo al 06 aprile 2006
165,527
- Fonte: Delibera CIPE 130/2006
Previsione al 30 aprile 2007
201,410
- Fonte: ANAS Spa
Costo al 30 giugno 2008
152,500
- Fonte: DPEF 2009-2013
Previsione al 30 aprile 2009
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 10/2009
Previsione al 30 aprile 2010
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo ad aprile 2011
288,000
- Fonte: DEF 2011
Previsione al 30 aprile 2011
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo al 30 giugno 2011
288,000
- Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Previsione al 31 dicembre 2011
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo al 01 giugno 2012
287,740
- Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Previsione al 30 giugno 2012
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione al 30 settembre 2012
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo al 01 dicembre 2012
287,740
- Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Previsione al 30 giugno 2013
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo al 01 settembre 2013
287,740
- Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Previsione al 31 ottobre 2013
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo al 01 aprile 2014
287,740
- Fonte: DEF 2014
Previsione al 30 giugno 2014
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Costo agosto 2014
287,740
- Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Costo al 01 settembre 2014
287,740
- Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione al 31 dicembre 2014
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione al 31 marzo 2016
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione al 31 dicembre 2016
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione 31 maggio 2017
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione al 31 maggio 2018
287,746
- Fonte: Delibera CIPE 76/2009
Previsione al 31 ottobre 2019
244,020
- Fonte: Aggiornamento CdP Anas 2016-2020
Previsione al 31 dicembre 2020
244,020
- Fonte: Aggiornamento CdP Anas 2016-2020
Previsione al 31 maggio 2022
244,020
- Fonte: Aggiornamento CdP Anas 2016-2020
QUADRO FINANZIARIO (milioni di euro)
Risorse disponibili al 31 maggio 2022
244,020

Fondi pubblici
108,674
Fonte: Aggiornamento CdP Anas 2016-2020
FSC - Opere indifferibili (b)
135,346
Fonte: Delibera CIPE 6/2012

Fabbisogno residuo al 31 maggio 2022
0,000

STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto
Progettazione definitiva
Conferenza servizi
In corso
Note
La progettazione definitiva è stata affidata da ANAS al Consorzio SISRI con convenzione stipulata tra le parti in data 30/01/2002 e successivo atto integrativo del 21/01/2005. Il progetto preliminare è stato approvato con Delibera CIPE n. 92 del 20/12/2004, mentre il progetto definitivo è stato approvato con Delibera CIPE n. 76 del 31/07/2009 pubblicata in data 21.1.2010 sul Supplemento ordinario n. 14 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 16. Sulla base del progetto definitivo approvato dal CIPE, l’Anas ha pubblicato il Bando di gara nella G.U. del 28/12/2009. La procedura di gara veniva aggiudicata in via definitiva, con provvedimento n. 49 del 19.04.2012, in favore dell’ATI Uniland S.c.a r.l. Consorzio Stabile - Consorzio Cooperative Costruzioni CCC Società Cooperativa - Aleandri S.p.A. - Igeco Costruzioni S.p.A. Il suddetto intervento, come è noto, è stato interessato da una serie di contenziosi, che hanno visto il coinvolgimento del TAR Puglia e, in secondo grado, del Consiglio di Stato. L’A.N.AC., nel corso del contenzioso amministrativo, con provvedimento prot. n. 12922 del 6/02/2015, disponeva l’avvio di una verifica ispettiva ex art. 6, co. 9, lett. a) e b) del D.Lgs. n. 163/2006, avente ad oggetto la procedura di gara; il procedimento vedeva il coinvolgimento in contraddittorio di tutti i soggetti, pubblici e privati interessati, come da Regolamento in materia di attività di vigilanza e di accertamenti ispettivi, ivi inclusa la stessa ANAS, l’ATI CCC e l’ATI Matarrese conclusasi con la Delibera n. 909 del 31.08.2016. In tale provvedimento, l’Autorità prendeva posizione sulle diverse criticità riscontrate in ordine alla procedura di gara in parola e, conseguentemente, invitava ANAS e le altre Amministrazioni coinvolte, in relazione al futuro sviluppo dell’intervento, “ad una valutazione delle possibili iniziative da intraprendere mediante l’effettuazione prioritaria di una complessiva ed articolata valutazione dell’interesse pubblico primario sotteso alla realizzazione dell’opera, con attenzione sia ai modi (doverosa considerazione dell’adeguatezza del progetto esecutivo) che ai tempi (sollecita e corretta realizzazione dell’opera) e ai costi (complessivi di realizzazione dell’opera anche tenuto conto della condanna risarcitoria) congruenti, da contrapporre ad una valutazione dell’interesse secondario e delle parti private (operatori economici che hanno partecipato alla procedura di gara), al fine di addivenire o meno all’esercizio del potere di annullamento in autotutela con la consequenziale caducazione del contratto, il cui presupposto è comunque rappresentato dal ripristino della legalità violata”. Nel rispetto della Delibera ANAC n. 909 del 31/08/2016, Anas ha orientato le proprie attività non solo al ripristino della legalità, ma anche alla rispondenza dell’intervento alle mutate esigenze progettuali nel frattempo emerse (sotto il profilo della loro sostenibilità tecnico/economica), disponendo l’annullamento, in via definitiva, del provvedimento di aggiudicazione in favore dell’ A.T.I. CCC , con conseguente caducazione automatica del contratto stipulato in data 07/08/2012. Con provvedimento n. 204 del 21/11/2016, Anas ha altresì disposto la revoca, in via di autotutela, di tutti gli atti della procedura concorsuale indetta, nell’ambito del quale veniva ampiamente motivata la necessità di ritirare l’intero procedimento concorsuale, tenuto conto del mutato quadro esigenziale e del progetto definitivo approvato, nel 2009, dal CIPE e posto a base di gara. Ancora, nel medesimo provvedimento, Anas rappresentava la propria volontà di procedere all'indizione di una nuova gara, sulla base di un progetto esecutivo redatto dalla stessa, mediante l'individuazione di parti di intervento idonee ad essere attuate nei minori tempi tecnici possibili, procedendo all'affidamento di un primo lotto funzionale anche per rispondere alle urgenze del territorio. Pertanto, a valle del provvedimento di revoca, Anas ha avviato la revisione del Progetto Definitivo già approvato dal CIPE con Delibera n. 76/2009 ed ha chiesto alla Regione Puglia, con nota prot. CDG-0034563 del 24/01/2017, di istituire una “cabina di regia” finalizzata ad un coordinamento dell’azione volta a condividere con gli Enti territoriali la soluzione progettuale da adottare. Si sono quindi succeduti, nel periodo immediatamente successivo, una serie di incontri che hanno condotto alla determinazione di procedere all’affinamento progettuale dell’intervento definendo un primo lotto funzionale, da suddividere a sua volta, ai fini dell’appalto dei lavori, in tre stralci funzionali: • 1° stralcio funzionale: dal km 0+000 di prog. al km 10+500 di prog. (da Melpignano a Scorrano); • 2° stralcio funzionale: dal km 10+500 di prog. al km 18+000.(da Botrugno a Surano) • 3° stralcio funzionale: dal km 18+000 di prog. al km 23+300 (da Surano alla Z.I. Tricase- Specchia - Miggiano). In data 20/11/2017, si è data comunicazione al pubblico tramite avvisi pubblicati su La Gazzetta del Mezzogiorno – ed. Lecce e su Il Sole 24 Ore, dell’avvio del procedimento di reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio. L’avviso è stato altresì pubblicato all’Albo Pretorio dei Comuni interessati e nella sezione avvisi del BURP Regione Puglia, nonché sul portale VIA del Ministero dell’Ambiente oltre che nel sito internet ufficiale dell’Anas consentendo in tale spazio di visionare gli elaborati di progetto inerenti il procedimento sopra indicato. Anas ha approvato in linea tecnica il Progetto Definitivo del I° Lotto, disponendo l’avvio delle procedure autorizzative, con Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/11/2017 e successivo dispositivo del Presidente prot. CDG- 0612266 del 01/12/2017. Con nota del 08/02/2018, prot. 0069942, Anas ha trasmesso copia del progetto definitivo aggiornato chiedendo al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili di formulare, ai sensi e per gli effetti degli artt. 163 e 166 del D.Lgs. 163/2006, la propria proposta al CIPE per la successiva approvazione: (i) ai fini della reiterazione del vincolo preordinato all’esproprio e della dichiarazione di Pubblica Utilità, (ii). Con nota del 02/08/2018, il Progetto Definitivo è stato trasmesso al CSLLPP per l’acquisizione del necessario parere che è stato ottenuto in data 20/02/2019. Con nota del 27/09/2018, inoltre, è stato richiesto all’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale – Sede Puglia, l’espressione del parere di competenza, che è stato emesso dall’Autorità in data 13/11/2018. Il 30/07/2019 si è tenuto un incontro presso il MIMS durante il quale si sono concordate le attività da seguire, al fine di ottenere l'approvazione del progetto definitivo da parte del CIPE. A seguito di tale incontro, con nota del 22/10/2019, Anas ha pertanto trasmesso al MIMS il Progetto aggiornato che ottemperava anche alle richieste del CSLLPP. Il MIMS ha trasmesso, con nota del 07/11/2019, il Progetto Definitivo al Consiglio Superiore chiedendo di riesaminare lo stesso alla luce dei nuovi elaborati prodotti da Anas. Con nota del 27/11/2019, Anas ha trasmesso al MiTE e al MIC il Progetto Definitivo chiedendo la conferma dei pareri già rilasciati sul progetto medesimo. Con nota del 06/12/2019, il MiTE ha richiesto il perfezionamento dell’istanza avanzata da Anas attraverso il pagamento degli oneri istruttori. Con nota del 07/01/2020, il MIC oltre a richiedere chiarimenti sulla procedura, ha invitato Anas a trasmettere elaborati integrativi che sono stati successivamente inviati con del 21.05.2020. In merito alla procedura di ottemperanza avviata dal MIMS con la nota sopra indicata, Il CSLLPP ha espresso con il voto n. 79/2019 durante l’Adunanza del 06/7/2020 il proprio parere con ulteriori prescrizioni, osservazioni e raccomandazioni, chiedendo di adeguare il progetto esaminato prima dello sviluppo del progetto esecutivo da porre a base della procedura di affidamento. Con lettera del 08/09/2020 il MIC ha comunicato, per quanto di stretta competenza, che le modifiche apportate al progetto definitivo approvato con delibera CIPE 76/2009 non sono di natura sostanziale, e ribadisce che potrà trasmettere il proprio parere di competenza solo a seguito delle determinazioni del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in merito alla necessità o meno di sottoporre a VIA le varianti introdotte con la revisione del progetto definitivo. In data 30/04/2021, a seguito del parere della Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale VIA e VAS n.225 del 06/4/2021, è stato emanato il Decreto Direttoriale MATTMCRESS-DEC-125, trasmesso ad da Anas in data 4.05.2021, con il quale è stato dichiarato concluso l’aggiornamento della procedura di Verifica di Ottemperanza sul progetto definitivo dell’intervento in esame. In base al citato parere della Commissione Tecnica di Verifica dell’Impatto Ambientale VIA e VAS è stato decretato da parte del Ministero della Transizione Ecologica quanto segue: in merito l’ottemperanza delle prescrizioni delle Delibere CIPE n. 92/2004 e n. 76/2009, non sono risultate ottemperate le prescrizioni nn. 8, 11 e 13 di carattere ambientale, di cui alla Delibera CIPE n. 92/2004. In ordine al Piano di Utilizzo delle terre e rocce da scavo, questo dovrà essere integrato secondo quanto indicato nel predetto parere della Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale VIA e VAS, predisposto ai sensi dell’art. 9, del decreto del Presidente della Repubblica n. 120/2017 e presentato a questo Ministero, entro 90 giorni prima dell’inizio dei lavori, ai fini delle verifiche di competenza. Con riferimento alle varianti localizzative, dovrà procedersi con l'aggiornamento dello studio di impatto ambientale e la rinnovazione della procedura di valutazione di impatto ambientale, ai sensi dell’articolo 167, commi 6 e 7, decreto legislativo 163/2006, per quanto applicabile ai sensi dell’articolo 216, decreto legislativo 50/2016. Il predetto esito è altresì subordinato al rispetto delle ulteriori condizioni ambientali dettate con il sopra citato parere n. 225 del 6 aprile 2021 della Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale VIA e VAS, da ottemperarsi in fase di progettazione esecutiva e di monitoraggio, e da verificarsi nell’ambito della procedura di Verifica di Attuazione, ex articolo 185, commi 6 e 7 del decreto legislativo 163/2006. in data 01/06/2021 Anas ha trasmesso al MiTE la documentazione tecnica necessaria per il completamento della verifica delle prescrizioni 8- 11 -13 richieste dall’art.1 comma 3 del Decreto Direttoriale DEC 125/2021. La trasmissione della documentazione per la verifica dell’osservanza delle condizioni ambientali riportate nelle pagine da 31 a 36 del parere 225 del 6704/2021 della Commissione tecnica sarà invece trasmessa nel rispetto dei termini temporali indicati nello stesso parere. Alla luce di quanto previsto nel menzionato parere, con separata procedura ex art. 167, commi 6 e 7 del DLgs. 163/2006, sarà attivato il procedimento relativo alle varianti ritenute localizzative. Con nota del 15/07/2021 Anas ha presentato presso il MITE l’istanza per l’avvio della fase di confronto per definire la portata delle informazioni, il relativo livello di dettaglio e le metodologie da adottare per la predisposizione dello studio di impatto ambientale richiesto con Decreto Direttoriale 125 del 30/04/2021 per le varianti ritenute localizzative. Il MITE, con nota del 18/08/2021 ha ritenuto proceduralmente procedibile quanto richiesto da Anas, comunicando l’avvio della fase di confronto ai fini dell’espressione del parere di competenza della Commissione Tecnica di Verifica dell’Impatto Ambientale VIA/VAS. Nell’ambito della procedura di confronto è stata convocata da parte del Commissario referente della Sottocommissione VIA una riunione per il giorno 24/09/2021, durante la quale sono stati richiesti ad Anas degli approfondimenti in merito al materiale consegnato. In data 28/09/2021, Il Ministero della Transizione Ecologia ha trasmesso il parere di completamento della procedura di verifica di Ottemperanza relativa alle prescrizioni 8 - 11- 13. In attesa del parere del MITE sarà richiesta il parere paesaggistico in deroga al PPTR Puglia ed avviata la Conferenza dei Servizi. Inoltre, prima dell’avvio dei lavori - così come indicato dal richiamato parere n. 225 del 6/04/2021 - sarà trasmessa la documentazione per la verifica dell’osservanza delle prescrizioni da completare nella fase esecutiva di progettazione e il Piano di Utilizzo Terre ai sensi del DPR 120/2017. Attualmente sono in fase di ultimazione l’aggiornamento dello studio di impatto ambientale per per le parti del tracciato localizzativamente variate e la predisposizione degli elaborati necessari per richiedere il parere paesaggistico in deroga al PPTR Puglia. Con D.P.C.M. 5 Agosto 2021 registrato alla Corte dei Conti in data 10 Settembre 2021 al n. 2253 l'ing. Vincenzo MARZI è stato nominato Commissario straordinario dell’intervento in oggetto Aggiornamento al 06 aprile 2022: revisione progettazione definitiva in corso.
Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
Progettazione definitiva Interno 244.020.252,52 21/11/2016 30/06/2022

ESECUZIONE LAVORI
Stato avanzamento lavori
Non disponibile
Data presunta inizio lavori
Data effettiva inizio lavori
Stato avanzamento (importo)
Stato avanzamento (percentuale)
Data presunta fine lavori
Data effettiva fine lavori
Data presunta fine lavori x varianti
Tempi realizzazione
Descrizione ritardo
Data collaudo statico
Data collaudo tecnico-amministrativo
Note
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
Decreto MIT del 5 novembre 2001
Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Puglia del 10 ottobre 2003
Convenzione Regione Puglia e ANAS Spa del 21 novembre 2003
Delibera CIPE 92/2004 del 20 dicembre 2004
Relazione STM del 30 dicembre 2004
Delibera di Giunta Regione Puglia n. 102 del 15 febbraio 2007
ANAS Spa del mese di maggio 2007
Delibera di Giunta Regione Puglia n. 965 del 19 giugno 2007
Delibera CIPE 76/2009 del 31 luglio 2009
Atto Aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Puglia del 6 novembre 2009
Bando di gara ANAS Spa del 24 dicembre 2009
Protocollo d’intesa tra ANAS, Regione Puglia e Provincia di Lecce del 3 marzo 2011
Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Puglia del 16 giugno 2011
Delibera 6/2012 del 20 gennaio 2012
Sentenza T.a.r. Puglia – Lecce n. 01091/2011 REG.RIC del 14 aprile 2012
Sentenza T.a.r. Puglia – Lecce n. 00740/2012 REG.RIC. del 17 ottobre 2013
Sentenza Consiglio di Stato n. 3344 del 3 luglio 2014
DL 32/2019 del 18 aprile 2019
Aggiornamento CdP ANAS 2016-2021 del mese di luglio 2019
Delibera CIPE 36/2019 del 24 luglio 2019
Decreto interministeriale MIT/MEF n. 399 del 17 settembre 2020
Atto del Governo n. 262 - Schema di DPCM recante l'individuazione di ulteriori interventi infrastrutturali sottoposti a commissariamento ai sensi dell’articolo 4 del DL 32/2019 come modificato dall’articolo 9 del DL 76/2020 del 16 giugno 2021
Delibera CIPESS 44/2021 del 27 luglio 2021
DPCM del 5 agosto 2021
Atto del Governo n. 373 - Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei ministri recante l'individuazione di nuovi interventi infrastrutturali da realizzare ai sensi dell'articolo 4 del decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 giugno 2019, n. 55, e dei commissari straordinari individuati per ciascuna opera del 14 marzo 2022