SILOS Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

Strade e autostrade

STRADE E AUTOSTRADE / Itinerario Autostradale Medio Padano / Nuova Autostrada Regionale Medio Padana Veneta - Nogara (VR)-Mare Adriatico e collegamento a ovest con la A22 del Brennero

SCHEDA N. 35

| | |
Costo
  • Dati monitoraggio
  • Dati delibere CIPESS o Allegati infrastrutture ai DEF
Quadro finanziario

Quadro finanziario al 31/05/2022

Localizzazione
Cup
  • H91B06000810009
SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Strade e autostrade

Soggetto titolare

Regione Veneto

Descrizione

L’autostrada Nogara-Mare Adriatico si inserisce nel contesto del Corridoio V nella sua connessione con il Corridoio I. L’originario intervento, denominato "Nogara (VR) - Mare Adriatico", approvato dal CIPE con delibera 1/2010, è stato integrato, con Delibera di Giunta Regionale n. 2209 del 20.12.2011, con l’ulteriore collegamento ad ovest tra Nogara e la A22 “del Brennero” . Il nuovo tracciato collega i territori delle province di Verona e Rovigo e si sviluppa, a partire dalla A22 del Brennero, lungo la direttrice Nogara - Legnago in provincia di Verona, successivamente, da Legnago a Rovigo, lungo l'esistente SS 434 Transpolesana e di qui, in nuova sede, sino alla SR 495 in comune di Adria (RO). Il progetto preliminare prevede la realizzazione dell’autostrada regionale a pedaggio Medio Padana Nogara-Mare Adriatico, costituita dall’asse principale e dalla viabilità complementare, per uno sviluppo complessivo di 148 Km, e il collegamento a pedaggio della stessa con l’Autostrada A22 “del Brennero” in provincia di Verona, per uno sviluppo complessivo di 23 km. L’asse principale, interconnesso a ovest con la SS 12 in località Nogara e a est con la SR 495 e in prospettiva fino alla E55 Nuova Romea in località Adria, sarà dotato di accessi controllati e costituito da due carreggiate separate da spartitraffico centrale, con due corsie di marcia e una corsia di emergenza ciascuna oltre alle piazzole di sosta, per uno sviluppo complessivo di circa 84 Km. La viabilità complementare avrà uno sviluppo totale di circa 64 Km. Il collegamento con la A22 avrà caratteristiche conformi all’asse principale.

Delibere CIPESS e/o ordinanze attuative

1/2010

Dati storici

2001
L'autostrada Nogara-Mare non risulta compresa nel Piano Generale dei Trasporti e della Logistica (PGTL) approvato con DPR del 14 marzo.
La delibera CIPE n. 121 non comprende l'intervento Nogara-Mare.
2002
Il 10 aprile viene costituita la Società per azioni “Confederazione Autostrade Spa”. Alla Confederazione aderiscono: Autostrada del Brennero, Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova, Autocamionale della Cisa, Autostrade Centro Padane, Società Autostrade di Venezia e Padova, Società Autostrada Torino Alessandria Piacenza, Autostrada Milano Serravalle-Milano Tangenziali .
La Legge regionale del Veneto n. 15 stabilisce norme per la realizzazione di infrastrutture di trasporto, per la progettazione, realizzazione e gestione di autostrade e strade a pedaggio regionale.
2003
Il 24 ottobre viene sottoscritta l’Intesa Generale Quadro tra il Governo e la Regione del Veneto con la quale sono state individuate le infrastrutture strategiche ricadenti sul territorio della stessa regione.
Il 30 giugno la Società Confederazione Autostrade presenta alla Regione Veneto una proposta per la progettazione, costruzione e gestione di una autostrada a pedaggio, per una lunghezza complessiva di circa 95,7 Km costituita da due corsie per senso di marcia, oltre alla corsia di emergenza, tra la località Nogara (Vr) e la Nuova Romea in località Adria (Ro).
2004
Nel mese di settembre la Regione Veneto pubblica un avviso per la selezione di proposte concorrenti a quella ricevuta il 30 giugno per la realizzazione dell’Autostrada Regionale Medio Padana Veneta a pedaggio.
2005
Nella seduta della Conferenza unificata del 24 novembre, in relazione alla Nogara-Mare, viene acquisito il parere della Conferenza unificata Stato-Regioni.
2006
L’art. 21 della legge regionale n. 2 autorizza uno stanziamento di complessivi 100 Meuro da erogare in 10 anni, per garantire l’attuazione di interventi da realizzarsi in finanza di progetto, con particolare riferimento alla realizzazione dell’Autostrada Nogara-Mare.
La Giunta Regionale del Veneto dichiara di pubblico interesse la proposta presentata dalla Confederazione Autostrade per la realizzazione dell’autostrada a pedaggio Nogara-Mare in regime di finanza di progetto. Per tale opera, la Regione richiede allo Stato un atto aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Governo-Regione Veneto, per l’inserimento nella Legge Obiettivo.
L’opera non è riportata nella delibera CIPE n. 130 di rivisitazione del PIS.
2007
L’art. 2, comma 259, della legge n. 244/2007 (finanziaria 2008) prevede che l’autostrada Nogara-Mare, competenza della Regione Veneto, sia inserita, ai soli fini dell’approvazione, nelle procedure della Legge Obiettivo.
Il 17 dicembre viene sottoscritto l’Atto Aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Regione Veneto e l’Autostrada Nogara-Mare è compresa (solo per procedure) nell’ambito della Legge Obiettivo.
2008
Viene avviato l’iter della procedura di approvazione del progetto preliminare.
Il progetto preliminare dell’opera è presentato al pubblico a Rovigo e Novara il 19 e 20 marzo.
Nel marzo-maggio pervengono alla Regione oltre 300 osservazioni da parte di Enti, Associazioni, Comitati e singoli cittadini.
La Commissione Regionale VIA, in data 29 maggio, esprime parere favorevole sull’opera.
Il 17 giugno la Giunta Regionale esprime parere favorevole sulla VIA.
Il progetto preliminare dell’opera viene inviato al Ministero dell’ambiente per la procedura di VIA nazionale.
2009
La Commissione VIA, in data 8 giugno, esprime parere favorevole.
La Regione del Veneto, nella stessa data, invia il proprio parere relativo al 7° PIS, al MIT, al Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per l’espressione del parere della Conferenza unificata.
Il 3 luglio si svolge la consultazione con gli enti locali, durante la quale le Province di Rovigo e Verona e i 28 Comuni interessati al tracciato si esprimono positivamente sulla nuova arteria, con alcune osservazioni. Sulla base delle risultanze e delle osservazioni emerse, vengono redatte alcune schede di dettaglio sulla localizzazione.
La Giunta del Veneto formalizza il parere favorevole sulla localizzazione urbanistica dell’autostrada Medio Padana Nogara-Mare.
Il 31 luglio il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, con nota n. GAB-2009-18006, trasmette al MIT il parere favorevole, n. 294 dell'8 giugno 2009, espresso dalla Commissione tecnica di verifica dell'impatto ambientale VIA e VAS.
Il Ministero per i beni e le attività culturali in data 10 agosto , con nota n. DG/PBAAAC/34, trasmette al MIT parere favorevole in ordine alla localizzazione e alla compatibilità ambientale e paesaggistica del progetto Nogara - Mare Adriatico.
Il Segretario regionale alle infrastrutture e mobilità della regione Veneto, con decreto n. 8/45.00 del 29 ottobre 2009, approva in linea tecnico economica il progetto preliminare, aggiornato nell'agosto 2006, e da' atto che la quota di contributo pubblico a carico della regione, pari a 50 milioni oltre IVA, e' assicurata dai fondi di competenza regionale di cui all’ art. 21 legge regionale n. 2/2006.
Il 6 novembre viene sottoscritto il 2° Atto aggiuntivo alla Intesa Generale Quadro Regione Veneto, nel quale, tra le infrastrutture di interesse regionale per le quali concorre l’interesse nazionale da avviare entro il 2013, è inserita l’Autostrada Nogara-Mare (solo per procedure). Il costo previsto è di 1,2 miliardi di euro di cui 50 Meuro finanziati dalla Regione e 1,15 miliardi di euro in project financing. Considerato che l’opera interessa tratti di strade statali di competenza di ANAS, il Governo si impegna a concludere i necessari accordi con Regione Veneto e l’ANAS prima dell’approvazione del progetto da parte del CIPE.
In data 23 novembre viene sottoscritto un protocollo d’intesa fra Regione e l’ANAS per l’utilizzo del tratto della SS434 “Transpolesana” come autostrada per il periodo della concessione.
Il MIT, con nota 16 dicembre 2009, n. 51157, trasmette al CIPE il parere dell'Unità Tecnica Finanza di Progetto.
2010
Il MIT, con nota 7 gennaio, chiede l'iscrizione all'ordine del giorno del CIPE del progetto preliminare dell'autostrada Nogara - Mare Adriatico e con nota del 21 gennaio trasmette ulteriore documentazione.
Il CIPE, con delibera n.1 del 22 gennaio, approva il progetto preliminare dell'autostrada regionale medio padana veneta che collega Nogara al mare Adriatico per un costo complessivo di 934,5 Meuro di cui 60 a carico della Regione Veneto e 874,52 reperiti con la finanza di progetto.
Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 l’opera "Autostrada regionale Medio Padana Veneta Nogara(VR)-Mare Adriatico" è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche – Aggiornamento 2010”; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013 ”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2010”.
Nella seduta del 4 novembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'accordo sull'Allegato Infrastrutture.
Aprile 2011

Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 l’opera "(P) Autostrada regionale Medio Padana Veneta Nogara(VR)-Mare Adriatico" è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche - Aggiornamento aprile 2011” ; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013” ;“5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2011 (marzo)”.


Dicembre 2011

Nell’Intesa Generale Quadro tra il Governo e la Regione Veneto, sottoscritta il 16 giugno, nell'elenco generale degli interventi, sono riportati due distinti interventi: Autostrada Medio Padana Veneta-Nogara (VR)-Mare Adriatico (P) e Autostrada Medio Padana Veneta-Nogara (VR)-Mare Adriatico: completamento ad ovest (P).
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011) l’opera è riportata nelle stesse tabelle di aprile.
Il Promotore, con note del 18/11/2011 e 14/12/2011, ha presentato alla Regione del Veneto la propria proposta aggiornata in relazione alle prescrizioni CIPE. In considerazione dei maggiori oneri derivanti dall’adeguamento del progetto presentato dal Promotore alle prescrizioni del CIPE ed al fine di assicurare la realizzazione dell’opera nel rispetto degli elementi considerati nel PEF e, segnatamente, dei flussi di traffico, è stato previsto di realizzare l’Autostrada  Nogara Mare per fasi successive.
Con Delibera di Giunta Regionale n. 2209 del 20 dicembre, l’originario intervento, denominato "Nogara (VR) - Mare Adriatico" è stato integrato con l’ulteriore collegamento ad ovest tra Nogara e la A22 “del Brennero”.


Marzo 2012

Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2012, si rileva che con Delibera n. 2209 del 20/12/2011 la Giunta Regionale ha ritenuto di procedere con unica gara di concessione per l'originario intervento denominato "Nogara (VR) - Mare Adriatico" e l'ulteriore collegamento ad ovest tra Nogara e la A22 "del Brennero". Il bando di gara è trasmesso alla Gazzetta dell'Unione europea il 26/01/2012  e pubblicato in data 01/02/2012.


Settembre 2012

L'opera è riportata nell'Allegato Infrastrutture-Rapporto intermedio di aprile 2012: allegato 5, quadro riepilogativo degli interventi del PIS.
L'opera è riportata nel 10° Allegato Infrastrutture al DEF 2012 (aggiornamento di settembre 2012): Tabella 0, Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 2, Opere in fase di progettazione del PIS.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 30 settembre 2012, risulta pubblicata sulla Gazzetta dell'Unione europea del 28/03/2012 la rettifica del bando con la quale viene prorogato il termine per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura di gara al 4/05/2012.


Dicembre 2012

Nella seduta del 6 dicembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2012 – 10° Allegato infrastrutture.
Il CIPE, con delibera n. 136 del 21 dicembre, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture al DEF 2012.


Giugno 2013

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013: Tabella 2 - Le opere in progettazione del deliberato CIPE.


Ottobre 2013

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013), Tabella 0 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) Avanzamento complessivo.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2013, risulta in corso la verifica dei requisiti del promotore non essendo pervenute offerte da parte degli operatori economici invitati alla gara entro il termine stabilito.
In data 19/11/2013 il contratto è stato aggiudicato al costituendo RTI tra Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova Spa, Confederazione Autostrade Spa, Società delle Autostrade Serenissima Spa, Astaldi Concessioni Srl, Astaldi Spa, Impresa di costruzioni Ing. E. Mantovani Spa, Itinera Spa e il costituendo sub Raggruppamento di progettisti tra Technital Spa e S.I.N.A. Società Iniziative Nazionali Autostradali Spa.


Giugno 2014

L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014, Tabella A.1-1 Tabella 0 - Avanzamento Programma Infrastrutture Strategiche.
Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.


Dicembre 2014

Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla nota di aggiornamento al DEF 2013.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014): Tabella 0 – Stato dell’arte e degli avanzamenti del Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 0.1 Il programmatico: le opere in progettazione.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2014, risulta aggiudicato il contratto.


Marzo 2016

La Regione del Veneto, con DGR n. 159 del 13 febbraio 2015, approva l'elenco aggiornato delle opere infrastrutturali ritenute strategiche ed indifferibili per la Regione del Veneto da proporre al MIT per l'inserimento nel prossimo DEF - XII° Allegato infrastrutture. In particolare nell’allegato 1 sono riportati gli "interventi da confermare", nell’allegato 2 gli "interventi da inserire” e nell’allegato 3 gli "interventi da stralciare". L’opera “Autostrada regionale Medio Padana Veneta (E55-A22) (P)” è inserita nell’allegato 1.
La legge regionale 6 agosto 2015, n. 15, prevede alcune disposizioni di modifica della legge regionale 27/2003, la legge regionale in materia dei lavori pubblici di interesse regionale, e della legge regionale 15/2002, che disciplina la realizzazione di infrastrutture di trasporto, per la progettazione, realizzazione e gestione di autostrade e strade a pedaggio regionali anche tramite l'istituto della finanza di progetto. In particolare, l'articolo 4 detta una norma transitoria che introduce una procedura di revisione per le iniziative in regime di project financing, il cui bando sia già stato pubblicato alla data di entrata in vigore della legge, ma che non siano giunte alla fase della contrattualizzazione, da avviarsi entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge regionale 15/2015.
La Regione del Veneto, con DGR n. 1504 del 29 ottobre 2015, individua gli interventi infrastrutturali per la mobilità relativi a progettazione, realizzazione e gestione di autostrade e strade a pedaggio regionali promossi dalla Regione secondo le previsioni della L.R. 9 agosto 2002, n.15, per i quali avviare, in via prioritaria, la procedura di revisione prevista dall'art. 4 legge regionale 6 agosto 2015, n. 15. Gli interventi da sottoporre alla verifica ex art. 4 della L.R. 15/2015, scelti tra quelli con procedura di gara europea di concessione avviata, ma non ancora giunti alla stipula del relativo contratto di concessione, sono: l’Autostrada Regionale Medio Padana Veneta Nogara (VR) - Mare Adriatico e collegamento con la A22 "del Brennero"», giunta alla fase di aggiudicazione della concessione; la Superstrada a pedaggio «Via del mare: collegamento A4-Jesolo e litorali, giunta alla fase di valutazione delle offerte.
La Regione del Veneto, con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 95 del 11 dicembre 2015, approva il Documento di Economia e Finanza Regionale (DEFR) 2016-2018. Nel documento, tra gli obiettivi di cui al punto “10.05.01 Potenziare l’assetto della rete stradale prioritaria”, si riporta che al fine di potenziare la rete stradale prioritaria, previa verifica ai sensi della LR 15/2015 in relazione al permanere del pubblico interesse e della sostenibilità economico-finanziaria, per “l’autostrada Regionale Medio Padana Veneta Nogara (VR)-Mare Adriatico (A.M.P.V.) e collegamento ad ovest con la autostrada A22 del Brennero”, subordinatamente alla stipula della convenzione di concessione, sarà dato avvio dapprima alla redazione dello studio di impatto ambientale, con attivazione della relativa procedura di V.I.A., e alla progettazione preliminare per la tratta di collegamento con la A22, e poi alla redazione della progettazione definitiva ed esecutiva dell’opera intera, con il relativo coordinamento degli Enti territoriali interessati.”
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2016, risulta in corso la procedura di cui all'articolo 4 della legge regionale n. 15/2015. 


Dicembre 2016

Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2016, non risultano variazioni rispetto al monitoraggio precedente.


Maggio 2018

La Regione Veneto con DGR n. 260 del 6 marzo 2018 prende atto che l'aggiudicatario dell'affidamento della concessione per la progettazione, la costruzione e la successiva gestione dell'Autostrada Regionale Medio Padana Veneta Nogara (VR) Mare Adriatico e collegamento con la A 22 del Brennero non si è dichiarato disposto a concludere il contratto di concessione alle condizioni in base alle quali esso è stato aggiudicato, e dichiara che l'aumento del contributo pubblico prospettato dall'aggiudicatario stesso per la firma del contratto di concessione non è accettabile.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2018, risulta che con delibera n. 260 del 6 marzo 2018 la Giunta Regionale ha preso atto che l'aggiudicatario non si è dichiarato disposto a concludere il contratto di concessione alle condizioni in base alle quali esso è stato aggiudicato.


Ottobre 2019

La Regione Veneto con DGR n. 260 del 6 marzo 2018 prende atto che l'aggiudicatario dell'affidamento della concessione per la progettazione, la costruzione e la successiva gestione dell'Autostrada Regionale Medio Padana Veneta Nogara (VR) Mare Adriatico e collegamento con la A 22 del Brennero non si è dichiarato disposto a concludere il contratto di concessione alle condizioni in base alle quali esso è stato aggiudicato, e dichiara che l'aumento del contributo pubblico prospettato dall'aggiudicatario stesso per la firma del contratto di concessione non è accettabile.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle infrastrutture strategiche e prioritarie, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2019, risulta che l'aggiudicatario ha presentato ricorso avanti al TAR Veneto per l’annullamento del provvedimento della Giunta regionale del 6 marzo 2018, n. 260. Il TAR si è espresso con sentenza 19 dicembre 2018, n. 1191, dichiarando l’improcedibilità del ricorso. In data 30 gennaio 2019 l’aggiudicatario presenta ricorso in appello al Consiglio di Stato che si pronuncia con sentenza 23 settembre 2019, n. 06329/2019, respingendo definitivamente il ricorso.


COSTO PRESUNTO (milioni di euro)
Costo al 21 dicembre 2001
0,000
- Fonte: Delibera CIPE 121/2001
Previsione al 30 aprile 2004
0,000
- Fonte:
Previsione al 30 aprile 2005
0,000
- Fonte:
Costo al 06 aprile 2006
0,000
- Fonte: Delibera CIPE 130/2006
Previsione al 30 aprile 2007
0,000
- Fonte:
Costo al 30 giugno 2008
0,000
- Fonte: DPEF 2009-2013
Previsione al 30 aprile 2009
1.200,000
- Fonte: Regione Veneto
Previsione al 30 aprile 2010
934,520
- Fonte: Delibera CIPE 1/2010
Costo ad aprile 2011
934,520
- Fonte: DEF 2011
Previsione al 30 aprile 2011
934,520
- Fonte: Delibera CIPE 1/2010
Costo al 30 giugno 2011
934,520
- Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Previsione al 31 dicembre 2011
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Costo al 01 giugno 2012
1.901,490
- Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Previsione al 30 giugno 2012
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 30 settembre 2012
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Costo al 01 dicembre 2012
1.901,470
- Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Previsione al 30 giugno 2013
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Costo al 01 settembre 2013
1.901,470
- Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Previsione al 31 ottobre 2013
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Costo al 01 aprile 2014
1.901,470
- Fonte: DEF 2014
Previsione al 30 giugno 2014
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Costo agosto 2014
1.901,470
- Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Costo al 01 settembre 2014
1.901,470
- Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione al 31 dicembre 2014
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 31 marzo 2016
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 31 dicembre 2016
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione 31 maggio 2017
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 31 maggio 2018
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 31 ottobre 2019
1.901,490
- Fonte: DDR n. 2 del 26 gennaio 2012
Previsione al 31 dicembre 2020
0,000
- Fonte: Regione Veneto
Previsione al 31 maggio 2022
0,000
- Fonte: Regione Veneto
QUADRO FINANZIARIO (milioni di euro)
Risorse disponibili al 31 maggio 2022
0,000

0,000
Fonte: Regione Veneto

Fabbisogno residuo al 31 maggio 2022
0,000

STATO DI ATTUAZIONE a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)
PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto
Progettazione preliminare
Conferenza servizi
Non disponibile
Note
1) L’intervento è previsto tramite l’istituto della finanza di progetto e verrà aggiudicato tramite gara di concessione ai sensi del D.Lgs n. 163/2006 e s.m.i. La data di inizio progettazione è riferita alla data di avvio della stessa indicata dal promotore; la data di fine progettazione è riferita alla data di presentazione del progetto preliminare alla Regione Veneto. 2) L’importo si riferisce ai soli lavori, esclusi oneri per la sicurezza, progettazione, direzione lavori e somme in amministrazione. 3) con Delibera n. 2209 del 20.12.2011 la Giunta Regionale ha ritenuto di procedere con unica gara di concessione per l'originario intervento denominato "Nogara (VR) - Mare Adriatico" e l'ulteriore collegamento ad ovest tra Nogara e la A22 "del Brennero"
Descrizione CIPE Servizio Costo Prog. Interno Importo Lavori Progetto Imp. Gara Imp. Agg. Agg. Nome Data Inizio Data Fine
Progettazione preliminare Esterno 1.320.872.772,24 30/12/2003 14/12/2011

AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore
Regione Veneto
Modalità di selezione
Affidamento con bando
Procedura
Procedura ristretta
Sistema di realizzazione
Finanza di progetto (ex art. 153 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.) - Procedimento a doppia gara - Fase I
Criterio di aggiudicazione
Offerta economicamente più vantaggiosa
Fase progettuale a base di gara
Preliminare
Tempi di esecuzione
Progettazione
3 anni
Lavori
9 anni
Data bando
01/02/2012
CIG/CUI
3814807E4F
Data aggiudicazione
19/11/2013
Tipo aggiudicatario
ATI
Nome
costituendo R.T.I. tra Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova Spa (mandataria), Confederazione Autostrade Spa (mandante, promotore “associante”), Società delle Autostrade Serenissima Spa (mandante), Astaldi Concessioni Srl (mandante), Astaldi Spa (mandante), Impresa di costruzioni Ing. E. Mantovani Spa (mandante), Itinera Spa (mandante) e il costituendo sub Raggruppamento di progettisti tra Technital Spa (mandataria) e S.I.N.A. Società Iniziative Nazionali Autostradali Spa (mandante)
Codice fiscale
Data stipula contratto
Quadro economico
Importo a base di gara(1)
1.816.104.294,33
Importo oneri per la sicurezza
85.385.796,53
Importo complessivo a base di gara
1.901.490.090,86
Importo di aggiudicazione(2)
1.381.867.233,82
Somme a disposizione
495.231.522,09
Importo totale
1.877.098.755,91
% Ribasso di aggiudicazione
% Rialzo di aggiudicazione
Note
Il bando di gara di concessione è stato trasmesso alla GUUE in data 26.01.2012 e pubblicato in data 1.02.2012. In data 28.03.2012 è stata pubblicata sulla GUUE la rettifica del Bando con la quale è stato prorogato il termine per la presentazione delle domande di ammissione. Il termine previsto per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura di gara è il 4.05.2012. La lettera di invito a presentare offerta è stata spedita il 10.8.2012. Il termine previsto nella lettera d'invito per la presentazione delle offerte del 12.11.2012 è stato successivamente prorogato al 30.11.2012. Entro tale termine non sono pervenute offerte da parte degli operatori economici invitati. La Giunta Regionale con delibera n. 2521 del 11.12.2012 ha preso atto che non sono pervenute offerte ed ha incaricato la Direzione Strade Autostrade e Concessioni di procedere alla verifica dei requisiti del concessionario del soggetto promotore. L'oggetto della gara prevede la concessione per la progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione dell'autostrada. L'importo a base di gara di Euro 1.816.104.294,33 inserito comprende tutte le voci del quadro economico ad eccezione degli oneri per la sicurezza pari ad euro 85.385.796,53, mentre l’importo dei soli lavori a base di gara è pari ad Euro 1.320.872.772,24. Aggiornamento al 12 dicembre 2016 - L'intervento è sottoposto alla procedura di revisione ai sensi dell'art. 4 della Legge regionale 6 agosto 2015, n. 15 Aggiornamento al 04.07.2018 - con delibera n. 260 del 06.03.2018 la Giunta Regionale ha preso atto che l'aggiudicatario non si è dichiarato disposto a concludere il contratto di concessione alle condizioni in base alle quali esso è stato aggiudicato. In data 11 giugno 2019 l'aggiudicatario ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione prima) con Sentenza di primo grado in data 19.12.2018n. 01191/2018 di disposto/sentenziato la improcedibilità del ricorso introduttivo del giudizio, la reiezione dei motivi aggiunti e di tutte le domande ivi formulate e la condanna della ricorrente al pagamento delle spese di lite a favore della Regione del Veneto, giudicando legittima la decisione della Giunta regionale 6 marzo 2018 n. 620 di prendere atto del diniego dell’aggiudicatario a voler concludere il contratto alle condizioni stabilite. In data 30.01.2019 l'aggiudicatario ha presentato ricorsoin appello al Consiglio di Stato. Il Consiglio di Stato, con Sentenza n. 63 del 23.09.2019 ha respinto il ricorso proposto dall’Aggiudicatario.

1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
Legge regionale Regione Veneto n. 15 del 9 agosto 2002
Intesa Generale Quadro tra il Governo e la Regione del Veneto del 24 ottobre 2003
Avviso indicativo di selezione di proposte Regione Veneto del mese di settembre 2004
Legge regionale n. 2 del 3 febbraio 2006
Delibera di Giunta Regionale n. 927 del 28 marzo 2006
Atto Aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Regione Veneto del 17 dicembre 2007
2° Atto aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Regione Veneto del 6 novembre 2009
Delibera CIPE 1/2010 del 22 gennaio 2010
Intesa Generale Quadro tra il Governo e la Regione del Veneto del 16 giugno 2011
Delibera di Giunta Regionale n. 2209 del 20 dicembre 2011
DDR n. 2 del 26 gennaio 2012 del 26 gennaio 2012
Bando di gara Regione Veneto del 1° febbraio 2012
Delibera Regione del Veneto n. 159 del 13 febbraio 2015
Legge regionale n. 15 del 6 agosto 2015
Delibera Regione del Veneto n. 1504 del 29 ottobre 2015
Deliberazione del Consiglio Regionale n. 95 dell'11 dicembre 2015
Delibera Regione del Veneto n. 260 del 6 marzo 2018
Consiglio di Stato - Sentenza n. 06329/2019 del 23 settembre 2019